Archive | Scienza RSS for this section

1899 – Parla Nikola Tesla-Nis

Una volta, nel 1899, Nikola Tesla ebbeun colloquio con un certo giornalista John Smith, quando lo stesso Tesla ha dichiarato: “Tutto ciò che è la Luce”. In uno dei suoi raggi c’è il destino delle nazioni, ogni nazione ha il suo raggio in quella grande fonte di luce, che vediamo come il Sole.In questa intervista il più grande inventore e veggente dei tempi moderni si dipana in una nuova visione dell’umanità che noi, i guerrieri di luce della prima e dell’ultima ora abbiamo accennato solo un secolo più tardi.  
Parte di questa intervista è dedicata ai critici di Tesla circa la teoria della relatività di Einstein, che scarta l’etere come energia. 
 Risultati immagini per nikola tesla
“Ho provato la nuova teoria del diritto universale perché la teoria della relatività di Einstein è del tutto sbagliata perché non vi è alcun vuoto, e che tutto è energia.”

Intervista:
Giornalista: Signor Tesla, lei ha guadagnato la gloria di colui che è stato coinvolto nei processi cosmici. Chi è veramente, signor Tesla?

Tesla: E ‘una domanda giusta, signor Smith, e cercherò di darvi la risposta giusta.


Giornalista: Alcuni dicono che viene dalla Croazia, dalla zona chiamata Lika, dove insieme alle persone crescono alberi, rocce ed il cielo stellato. Si dice che il villaggio natale prende il nome dai fiori di montagna, e che la casa, dove è nato, si trova accanto alla foresta ed ad una chiesa.


Tesla: Davvero, tutto vero. Sono orgoglioso della mia origine serba e della mia patria croata.


Giornalista: futuristi dicono che il XX° e il XXI° secolo sono nati nella testa di Nikola Tesla. Si celebrano il campo magnetico e si cantano inni al fantastico motore ad induzione,per Lei..
Il loro creatore è stato chiamato il cacciatore che ha catturato la luce nella sua rete dalle profondità della terra, e il guerriero che ha catturato il fuoco dal cielo. Padre della corrente alternata farà la Fisica e Chimica che domineranno mezzo mondo. L’ industria lo proclamerà come loro santo supremo. E’ nel laboratorio di Nikola Tesla che l’atomo si ruppe per la prima volta!

 Ci venne creata un’arma che causa le vibrazioni del terremoto.Sono stati scoperti i raggi cosmici neri.Cinque prove pregheranno per lui nel tempio del futuro, perché avevano insegnato un grande segreto che gli elementi di Empedocle possono essere irrigati con le forze vitali delle eteri.

Tesla: Sì, questi sono alcune delle mie più importanti scoperte. Però sono un uomo sconfitto. Non ho compiuto la cosa più grande che potevo.

Risultati immagini per nikola teslaGiornalista: Che cosa è, signor Tesla?

Tesla: Volevo illuminare tutta la terra. C’è abbastanza energia elettrica per diventare un secondo sole. La luce sembrerebbe attorno all’equatore, come un anello intorno a Saturno.L’umanità non è pronta per il buono ed il giusto. In Colorado Springs ho “bagnato” la terra di energia elettrica. Inoltre possiamo annaffiare le altre energie, come l’energia mentale positiva.
Non si tratta solo di energia elettrica meccanica, ma anche quella del nostro corpo!
Essi sono nella musica di Bach o Mozart, o nei versi di grandi poeti. Nel interno della Terra, ci sono energia di gioia, pace e amore. Ho passato anni a cercare il modo in cui questa energia potrebbe influenzare la gente. La bellezza ed il profumo delle rose può essere utilizzata come una medicina e dai raggi del sole si potrebbe prelevare nutrimento.La vita ha un numero infinito di forme, e il dovere degli scienziati è quello di trovare loro in ogni forma di materia. Tre cose sono essenziali in questo. Tutto quello che faccio è una ricerca in questo senso. Io so che non le troverò, ma non voglio rinunciare a loro.


Giornalista: Che cosa sono queste cose?

Tesla: Un problema è il cibo. Puo’ “l’ energia stellare o terrestre” nutrire gli affamati sulla Terra?
Un’altra cosa è quella di distruggere il potere del male e della sofferenza in cui la vita dell’uomo passa! In questo secolo, la malattia era diffusa dalla Terra nell’Universo.La terza cosa è: C’è un chiaro eccesso nell’Universo? Ho scoperto una stella che da tutte le leggi astronomiche e matematiche potrebbe scomparire. Questa stella è in questa galassia. La sua luce può verificarsi in tale densità che si inserisce in una sfera più piccola di una mela. Religioni e filosofie insegnano che l’uomo può diventare il Cristo, Buddha e Zoroastro. Quello che sto cercando di dimostrare è più selvaggio, e quasi irraggiungibile. Occorre unirsi a questa luce nell’Universo così ogni essere nasce come Cristo, Buddha o Zoroastro.So che la gravità e la fisica studiano tutto il necessario per permettere di volare e la mia intenzione non è quella di creare i dispositivi di volo (aerei o missili), ma insegnare individualmente a riprendere conoscenza sulle proprie ali ... Maggiori; Sto cercando di risvegliare l’energia contenuta nell’aria, che è la principale fonte di energia. Ciò che viene considerato come lo spazio vuoto è solo una manifestazione della materia che non è risvegliata.Nessuno spazio è vuoto su questo pianeta, non nell’universo .. In buchi neri, quelli a cui si riferiscono gli astronomi, sono le più potenti fonti di energia e di vita.


Giornalista: Nella finestra della vostra camera in hotel “Valdorf-Astoria”, al trentatreesimo piano, ogni mattina, gli uccelli la vengono a trovare. Come mai ?


Tesla: Un uomo deve essere sentimentale verso gli uccelli. Questo è a causa della loro ali. Umano aveva una volta, la reale e visibile!

Risultati immagini per nikola teslaGiornalista: Non hai smesso di volare da quei giorni lontani in Smiljan!

Tesla: Volevo volare dal tetto e sono caduto: i calcoli dei bambini potrebbe essere stati sbagliati. Ricordate, le ali della gioventù sono tutto nella vita!


Giornalista: Lei si è mai sposato? Non sappiamo se ha un affetto per amore o per una donna. Foto di lei giovane mostrano che era un bell’uomo.


Tesla: Sì. Io no. Ci sono due punti di vista: un sacco di affetto o per niente. Il centro serve per ringiovanire il genere umano. Le donne,per certe persone, nutrono e rafforzano la sua vitalità e lo spirito. Essere single fa lo stesso effetto ad altre persone. Io ho scelto questa seconda strada.


Giornalista: I vostri ammiratori si lamentano che attacca la relatività. La cosa strana è la sua affermazione che la materia non ha energia, ed “Il tutto è intriso di energia”, dove si trova?


Tesla: in primo luogo è stata l’energia, poi la materia.Che dire della nascita dell’Universo? La materia è creata dall’energia originaria ed eterna che noi conosciamo come “Luce” .Splendeva, e ci sono state le stelle, i pianeti, l’uomo, e tutto sulla Terra e nell’Universo. La materia è espressione di infinite forme di Luce, perché l’energia è più vecchia di essa. Ci sono quattro leggi della Creazione. 

 

“he first is that the source of all the baffling, dark plot that the mind cannot conceive, or mathematics measure. In that plot fit the whole Universe.

The second law is spreading a darkness, which is the true nature of Light, from the inexplicable and it’s transformed into the Light. The third law is the necessity of the Light to become a matter of Light. The fourth law is: no beginning and no end; three previous laws always take place and the Creation is eternal”

Risultati immagini per nikola tesla

Faccio parte di una luce, ed è la musica (suono/vibrazione) La luce riempie i miei sei sensi: la vedo, l’ ascolto, sento, odoro, la tocco e la penso. Pensando che significa che il mio sesto senso è nutrito. Le particelle di luce sono scritte anche su unanota. Un fulmine può essere un’intera sonata. Un migliaio di fulmini è un concerto .. Ho fatto un mio concerto personale ed ho creato un fulmine a sfera, che può essere ascoltato sulle cime ghiacciate dell’Himalaya.
A proposito di Pitagora e la matematica uno scienziato non può e non deve ledere questi due. I numeri e le equazioni sono segni che segnano la musica delle sfere. Se Einstein avesse sentito questi suoni, non avrebbe creato la teoria della relatività. Questi suoni sono i messaggi alla mente che la vita ha un senso, che l’universo esiste in perfetta armonia, e la sua bellezza è la causa e l’effetto della Creazione. Questa musica è l’eterno ciclo dei cieli stellari.Battiti del cuore dell’uomo sono parte della sinfonia sulla Terra. Newton ha imparato che il segreto è nella disposizione geometrica e nel movimento dei corpi celesti. Ha riconosciuto che la legge suprema di armonia esiste nell’Universo. Lo spazio curvo è il caos, il caos non è musica. Einstein è il messaggero del tempo di rumore e di furore.

 Giornalista: Mr. Tesla, hai sentito quella musica?

Tesla: Ho sentito tutto il tempo. Il mio orecchio spirituale è grande come il cielo che vediamo sopra di noi. Il mio orecchio naturale è aumentato come un radar. Secondo la teoria della relatività, due linee parallele si incontreranno a infinito.Il solito caos di Einstein. Una volta creato, il suono dura per sempre. Per un uomo può scomparire, ma continua ad esistere nel silenzio che è il più grande potere dell’uomo.No, non ho nulla contro il signor Einstein, comunque. Lui è una persona gentile e ha fatto molte cose buone, alcune delle quali entreranno a far parte della “musica del mondo”. Scriverò a lui e cercare di spiegare che l’etere esiste, e che le sue particelle sono ciò mantiene l’universo in armonia, e la vita nell’eternità.


Giornalista: Mi dica, per favore, a quali condizioni l’ angelo ti segue sulla Terra


Tesla: Ho dieci di loro. Mi mantengono delle buone annotazioni/informazioni.


Giornalista: Io sto documentando tutte le sue parole, Caro Signor Tesla.


Tesla: Il primo requisito è un’alta consapevolezza della sua missione e del lavoro da fare. Cerchiamo di non essere falsamente modesti; La quercia sa che è quercia, un cespuglio accanto a lui di essere un cespuglio.
La seconda condizione di adattamento è la determinazione.
Tutto quello che ho potuto, ho finito.


Giornalista: Che cosa è la terza condizione di regolazione, signor Tesla?

Risultati immagini per nikola tesla
Tesla: Linee guida per tutte le energie vitali e spirituali del lavoro. Pertanto, la purificazione dei molti affetti e delle esigenze che l’uomo ha. Pertanto non ho perso nulla, ma ho appena guadagnato, privandomi.Così ho apprezzato ogni giorno e notte. Annotare: Nikola Tesla era un uomo felice … Il quarto requisito è quello di regolare il gruppo fisico con un lavoro.

Giornalista: Che cosa vuoi dire, signor Tesla?


Tesla: In primo luogo, la manutenzione del “gruppo”. Il corpo dell’uomo è una macchina perfetta. So com’è fatto il mio circuito e ciò che è buono per lui. Il cibo che quasi tutte le persone mangiano, per me è dannoso e pericoloso. A volte visualizzo che gli chef del mondo sono tutti in cospirazione contro di me … Guarda….Tocca la mia mano.


Giornalista: E ‘ fredda


Tesla: Sì. il flusso sanguigno può essere controllato, e molti processi dentro e intorno a noi, possono essere controllati. Perché Giovane sembra che sei spaventato?


Giornalista: E ‘ storia che Mark Twain ha scritto un misterioso straniero, quel meraviglioso libro di Satana, ispirato da voi….


Tesla: La parola “Lucifer” è più affascinante. A Mr. Twain piace scherzare. Da bambino ero guarito una volta leggendo i suoi libri. Quando ci siamo incontrati qui ed abbiamo parlato, era così commosso che pianse. Siamo diventati amici e lui veniva spesso al mio laboratorio. Una volta mi ha chiesto di mostrargli una macchina che tramite la vibrazione provoca una sensazione di felicità. Era una di quelle invenzioni per l’intrattenimento, quello che a volte mi piace fare.Ho avvertito il signor Twain, di non rimanere sotto queste vibrazioni. Lui non ha ascoltato ed è rimasto più a lungo. Si è conclusa che si tolse i pantaloni e li getto’ come un razzo nella stanza. E ‘stata una scena diabolicamente divertente, ma ho mantenuto la serietà.Ma, per regolare il circuito fisico, oltre al cibo, il sogno è molto importante. Da una lungo ed estenuante lavoro, che ha richiesto uno sforzo sovrumano, dopo un’ora di sonno giusto sarei pienamente recuperato. Ho guadagnato la capacità di gestire il sonno, addormentarsi e svegliarsi in tempo che io ho designato. Se faccio qualcosa che non capisco, mi sforzo di pensare a questo proposito nel mio sogno, e quindi trovo una soluzione.La quinta condizione di regolazione è la memoria. Forse nei maggior parte delle persone, il cervello è custode della conoscenza del mondo e le conoscenze acquisite attraverso la vita nei vari Eoni. Il mio cervello è impegnato in cose più importanti che ricordare, si sta riprendendo ciò che è necessario in un dato momento. Questo è tutto intorno a noi. Dovrebbe essere soltanto.. consumato da noi. Tutto ciò che una volta abbiamo visto, sentito, letto e imparato, ci accompagna in forma di particelle di luce. Per me, queste particelle sono obbedienti e fedeli.Faust di Goethe è il mio libro preferito, l’ ho imparato a memoria in tedesco da studente, e posso recitarlo tutto. Ho tenuto le mie invenzioni per anni ‘nella mia testa “, e solo allora li ho capito.


Giornalista: Lei spesso ha citato il potere della visualizzazione.Risultati immagini per nikola tesla


Tesla: potrei ringraziare solo la visualizzazione per tutto quello che ho inventato. Gli eventi della mia vita e le mie invenzioni sono reali davanti ai miei occhi, visibile come ogni ricorrenza o come una voce. Nella mia giovinezza ho avuto paura di non sapere di cosa si tratta, ma più tardi, ho imparato a usare questo potere come un talento e dono eccezionale. L’ ho nutrito, e gelosamente custodito. Ho fatto anche le correzioni per la visualizzazione sulla maggior parte delle mie invenzioni, e li finisco in questo modo, attraverso la visualizzazione mentalmente risolvo complesse equazioni matematiche. Per quel dono ho il rango elevato di Lama in Tibet.


La mia vista e l’udito sono perfetti ed ho il coraggio di dire, più forti rispetto alle altre persone. Sento il tuono di un centinaio di 50 miglia di distanza, e vedo i colori nel cielo che gli altri non possono vedere. Questo allargamento della visione e dell’udito, l’ ho avuto da bambino. Più tardi l’ ho consapevolmente sviluppato.Giornalista: In gioventù si hanno più volte stati di malattia. È una malattia oppure un requisito di adattamento?


Tesla: Sì. Spesso è il risultato di una mancanza di esaurimento o forza vitale, ma spesso la purificazione di mente e corpo dalle tossine che si sono accumulati. È necessario che un uomo soffre di volta in volta. La fonte della maggior parte delle malattie è nello spirito. Pertanto, lo spirito può curare la maggior parte delle malattie. Da studente mi sono ammalato di colera che imperversava nella regione della Lika. Ero guarito perché mio padre finalmente mi ha permesso di studiare la tecnologia, che è stata la mia vita.
Una volta, durante l’infanzia, stavo camminando lungo il fiume con lo zio e gli dissi: “Dall’acqua apparirà la trota, mi butto un sasso ed è tagliata.” Questo è quello che è successo. Spaventato e stupito, lo zio gridò: “Bade retro Satana!” Era un uomo educato e parlava in latino …


Ero a Parigi quando ho visto la morte di mia madre. Nel cielo, pieno di luce e musica galleggiavano creature meravigliose. Uno di loro aveva il carattere di una madre, che mi guardava con infinito amore. Come la visione scomparve, sapevo che mia madre è morta.


Giornalista: Che cosa è la settima regolazione, signor Tesla?Risultati immagini per nikola tesla laboratory


Tesla: la conoscenza di come l’energia mentale e vitale ci trasforma in quello che vogliamo, e come ottenere il controllo su tutti i sentimenti. Indù lo chiamano la  Kundalini Yoga. Questa conoscenza può essere appresa in molti anni ed è per questo che sarebbe meglio cominciare presto.

L’ energia sessuale è una delle piu’ diffuse nell’universo, ma non la prima.La donna è il più grande ladro di tale energia, e quindi di potere spirituale.Di me stesso ho creato quello che volevo: una macchina riflessivo e spirituale.

Giornalista: La nona regolazione, signor Tesla?


Tesla: Fate tutto ciò che ogni giorno, ogni momento, se possibile, sia necessario per non dimenticare chi siamo e perché siamo sulla Terra. Persone straordinarie che stanno lottando con la malattia, privazioni, o la società che li ferisce con la sua stupidità, incomprensione, persecuzione e altri problemi che portano avanti i loro lavori per lasciare qualcosa sulla Terra… Sapete…. Ci sono molti angeli caduti sulla Terra.


Giornalista: Che cosa è il decimo adattamento?


Tesla: È il più importante. Scrivi che il signor Tesla ha giocato. Ha giocato tutta la sua vita, e gli è piaciuto.


Giornalista: Mr. Tesla! Si sta riferendo ai vostri risultati ed al suo lavoro? Si tratta di un gioco?


Tesla: Sì, caro ragazzo. Ho tanto amato giocare con l’elettricità! Ho sempre rabbrividito sentendo le storie di Zeus e dei suoi fulmini…
I fulmini sono i più bei giocattoli che si possono trovare. Non dimenticate che nel testo spiccano: Nikola Tesla fu il primo uomo che ha scoperto il fulmine.


Giornalista: Signor Tesla, si sta parlando solo di angeli e del loro adattamento alla Terra.


Tesla: E quindi ? Questo è lo stesso. Si potrebbe scrivere questo: “ha avuto il coraggio di prendere su di sé le prerogative di Indri, Zeus e Peron”  Immaginate uno di questi dei in un abito da sera nero, con la bombetta e indossando guanti di cotone bianchi prepara fulmini, incendi e terremoti per l’elite di New York City!

 Giornalista: I lettori amano l’umorismo del nostro giornale. Ma si confondono se sentissero parlare delle sue grandi scoperte come un gioco Mr Tesla…
 
Tesla: Caro signor Smith, il guaio è che le persone sono troppo pensanti. Se non lo fossero, sarebbero più felici e più a lungo avrebbero vissuto, e non c’entra nulla con quello che posseggono o non posseggono. Un Proverbio cinese dice che la gravità riduce la vita. Comunque.. torniamo alle cose che considerano importanti i tuoi lettori …

Risultati immagini per nikola teslaGiornalista: Avrebbero felicità di ricevere la vostra filosofia.

Tesla: La vita è un ritmo che deve essere compreso. Mi sento il ritmo e dirigo su di esso e lo coccolo. E ‘stata molto grata e mi ha dato la conoscenza che ho. Tutto ciò che vive è legato ad una profonda e meravigliosa relazione: l’uomo e le stelle, amebe ‘e il sole, il cuore e la circolazione di un numero infinito di mondi. Questi legami sono indistruttibili, ma possono essere docili e per propiziare e cominciare a creare nuovi e diversi rapporti in tutto il mondo.La conoscenza viene dallo spazio; la nostra visione è la sua serie più perfetta. Abbiamo due occhi: il terreno e spirituale. L’universo vive come un animale pensante in tutte le sue forme.

 
Giornalista:Quello che lei affema, mi sembra, di averlo sentito nei testi buddisti o nei testi Taoisti.

Risultati immagini per nikola tesla laboratoryTesla: Questo è giusto! Questo significa che non vi è conoscenza generale e la verità che l’uomo ha sempre posseduto. Nella mia sensazione ed esperienza, l’Universo ha una sola sostanza e una suprema energia con un numero infinito di manifestazioni della vita. La cosa migliore è che la scoperta di una natura segreta, rivela l’altra.Non si può nascondere, sono intorno a noi, ma siamo ciechi e sordi a loro. Se noi stessi emotivamente ci leghiamo a loro, verranno a noi stessi.
 
Giornalista: Una domanda che potrebbe essere impostata all’inizio di questa conversazione. Cos’è per te L’ Elettricità, Caro Signor Tesla?


Tesla: Tutto è energia elettrica. Prima era la luce, fonte inesauribile da cui sottolinea materiale e distribuirlo in tutte le forme che rappresentano l’Universo e la Terra con tutti i suoi aspetti della vita. Il nero è il vero volto della Luce, solo che noi non lo vediamo. È notevole la grazia per l’uomo e le altre creature.Ognuna delle sue particelle possiede leggera, termica, nucleare, radiazioni, chimica, meccanica ed una energia non identificata.Ha il potere di eseguire la Terra con la sua orbita. E ‘vera la leva di Archimede.Giornalista: Signor Tesla, sei troppo virato verso l’elletricita’


Tesla: Io elettricità sono. O, se lo si desidera, io sono l’energia elettrica in forma umana. Siete elettricità anche voi Mr. Smith, ma non se ne rende conto.

 
Giornalista: Il personale nel laboratorio parlano di lampi di luce, fiamme e fulmini che si verificano se lei è arrabbiato Mr Tesla…

Risultati immagini per nikola tesla laboratoryTesla: è lo scarico psichico o un avvertimento per stare attenti. La luce è sempre dalla mia parte. Sapete come ho scoperto il campo e l’induzione magnetica del motore in rotazione, che mi ha fatto diventato famoso quando avevo ventisei anni? Una sera d’estate a Budapest, ho guardato con il mio amico il tramonto di Sigetijem.Migliaia di scie di fuoco stavano mescolandosi intorno a migliaia di colori fiammeggianti. Mi sono ricordato Faust ed ho recitato i suoi versi e poi, come in una nebbia, ho visto girare un campo magnetico, e il motore a induzione. Li ho visti al sole!
Ma parlo anche con lampi e tuoni.


Giornalista: Con loro? Che lingua, Mr.Tesla?Tesla: Per lo più la mia lingua madre. Ha le parole e suoni, soprattutto in poesia, ciò che è adatto per questo.


Giornalista: I lettori della nostra rivista sarebbe molto grati se volesse spiegarci meglio

 Tesla: il suono non esiste solo in tuoni e fulmini, ma, nella trasformazione in luminosità e colore. Un colore può essere ascoltato. Il linguaggio è delle parole, il che significa che è dai suoni e colori. Ogni tuono e fulmine sono diversi e hanno i loro nomi. Chiamo alcuni di loro con i nomi di coloro che erano vicini nella mia vita, o da parte di coloro che ammiro.

Nella luminosità del cielo e del tuono vive la mia madre, sorella, fratello di Daniel, un poeta Jovan Jovanovic Zmaj e altre persone della storia serba. Nomi come AsIsaiah, Ezechiele, Leonardo, Beethoven, Goya, Faraday, Puskin e tutti i fuochi accesi segnano secche e grovigli di fulmini e tuoni, che non si ferma tutta la notte portando la pioggia preziosa Terra e alberi o villaggi in fiamme.

 
Giornalista: Per voi, la scienza o la poesia è lo stesso?


Tesla: Questi sono due occhi di una persona. William Blake ci ha insegnato che l’Universo è nato dalla fantasia, che mantiene ed esisterà fino a quando c’è un ultimo uomo sulla Terra. Con esso era una ruota per cui gli astronomi possono raccogliere le stelle di tutte le galassie. È l’energia creativa identica all’energia luminosa.


Giornalista: L’immaginazione è più reale per voi della vita stessa?


Tesla: Dà alla luce la vita. Ho alimentato dalla mia insegnate; Ho imparato a controllare le emozioni, sogni e visioni. Ho sempre amato, come ho nutrito il mio entusiasmo. Tutta la mia lunga vita l’ ho passata in estasi. Questa è stata la fonte della mia felicità. Mi ha aiutato in tutti questi anni a sostenere il lavoro, che è stato sufficiente per  cinque vite. La cosa migliore è lavorare di notte, perché la luce stellare, e in stretto legame con la notte.


Giornalista: Lei ha detto che io sono, come ogni essere, la Luce. Questo mi lusinga, ma confesso, io non capisco.


Tesla: Perché si ha bisogno di capire, signor Smith? Basti per credere. Tutto è leggero. In un suo raggio è il destino delle nazioni, ogni nazione ha il suo raggio in quale grande sorgente di luce che vediamo come il sole. E ricordate: nessuno che era qui non è morto.Si sono trasformati nella luce, e come tale esistono ancora. Il segreto sta nel fatto che le particelle di luce ripristinano il loro stato originale.


Giornalista: Questa è la resurrezione!


Tesla: Io preferisco chiamarla: tornare all’ energia precedente. Cristo e molti altri conoscevano il segreto. Sto cercando come preservare l’energia umana. Si tratta di forme di luce, a volte direttamente come la luce celeste. Non ho guardato ad esso per il mio bene, ma per il bene di tutti. Credo che le mie scoperte rendono la vita delle persone più facile e più sopportabile, e convogliarli verso la spiritualità e la moralità.Siamo sulla Terra … Si tratta di una malattia la cui esistenza la stragrande maggioranza delle persone non sono a conoscenza. Quindi, molte altre malattie, la sofferenza, il male, la miseria, le guerre e tutto il resto ciò che rende la vita umana una condizione assurda e orribile. Questa malattia non può essere completamente guarita, ma la consapevolezza la rende meno complicata e pericolosa. Ogni volta che uno dei miei persone vicine e cari sono rimasti feriti, ho sentito dolore fisico. Questo perché i nostri corpi sono fatti come di materiale simile, e la nostra anima legata con fili infrangibili. per una Incomprensibile tristezza che ci ha commossi, a volte significa che da qualche parte, al di là di questo pianeta, un bambino o un uomo generoso morto.

Risultati immagini per nikola tesla

Fonte:
http://www.teslauniverse.com
http://www.stankovuniversallaw.com
http://www.aetherforce.com
http://lagrandeopera.blogspot.it

Il paradosso del nuovo millennio. -Space.

Il paradosso del nuovo millennio: gli studi scientifici non sarebbero affidabili!
Lo dice uno studio scientifico!
Certo, si sa che il metodo è quello: ogni errore, nella storia della scienza, ha valore quanto e forse più di un risultato corretto, perché mette in questione le premesse e aiuta ad avvicinarsi alla verità, o a quel qualcosa che somiglia alla verità. Per cui, benvenuti errori. Lo studio, però, dice anche altro.

In cinque anni di ricerca, 270 studiosi di tutto il mondo hanno tentato di riprodurre i risultati di 100 studi appartenenti a due campi di ricerca specifici: psicologia sociale e scienze cognitive. Quelli, in sostanza, più scivolosi. I 100 studi erano stati pubblicati tutti nel 2008 ed erano apparsi nelle più importanti riviste scientifiche del mondo.

Ebbene: come è andata? Molto male. Il 50% delle scoperte in scienze cognitive non hanno potuto essere replicate. Cioè, non erano vere. Per la psicologia sociale il risultato è ancora più alto: il 75% degli studi del 2008 non ha trovato nessun riscontro. A questo punto il dubbio è diventato consistente. Come è possibile?

“Ci sono diversi motivi”, spiega Alan Kraut, dell’Associazione Psicologi, interrogato dal Guardian. La sua sembra una difesa di categoria, ma è in qualche modo illuminante. “Non esistono studi riproducibili al 100%. Le uniche scoperte che possono essere replicate in modo perfetto, sono quelle già evidenti e perciò inutili. Tipo: è impossibile insegnare a leggere a soggetti morti, ad esempio”.

Considerazioni corporative? La verità è che, forse, quando si ha tra le mani una scoperta scattano meccanismi psicologici fortissimi. “Lo scetticismo è al cuore del nostro metodo, dobbiamo accettarlo. Se la prova è troppo bella, bisogna rimetterla in discussione”, scpiega Brian Nosek, uno dei ricercatori autori dello studio in questione. “Dobbiamo essere noi i nostri primi critici”. Questo non è semplice, quando il sistema ti valuta anche sulla base di ciò che pubblichi, e di quanto pubblichi.

Metodo-Scientifico01-mini

In fondo, è tutto qui: lo studio mette in luce il lato meno gradevole della ricerca scientifica accademica, che fa pressioni sui ricercatori: più visibilità, più reputazione = più crediti, anche economici.
È un vecchio problema: su quali ricerche si deve investire? Su quali scienziati? Su quali team?
Il sapere dovrebbe essere gratuito e libero, la ricerca anche. Ma i risultati sono invece importanti per l’umanità – e per chi finanzia laboratori e scienziati. A ragione, chiede conto dei suoi investimenti.
E quando i risultati non ci sono, vengono “aggiustati”, per far tornare i conti. È il grande non-detto della ricerca.

“Se voglio essere promosso e ottenere una borsa, devo scrivere molti paper. Ma scrivere molti paper e fare molti esperimenti non garantisce risultati solidi” spiega Marcus Munafo, psicologo all’Università di Bristol. Lo sanno tutti, lo fanno in tanti.
Le ricerche non sono affidabili, dice una ricerca. Perché non è affidabile l’intero sistema.

Il cervello degli uomini e delle donne funzionano in modo diverso – Nis

Il cervello delle donne e il cervello degli uomini sono diversi.

Nello studio, condotto sul cervello di 949 persone fra gli 8 e i 22 anni, 521 donne e 428 uomini, si evidenzia come il funzionamento del cervello sia completamente diverso fra i due sessi.

È una questione di emisferi. Il cervello è diviso in emisfero destro e sinistro. E mentre negli uomini le sinapsi, ovvero le connessioni fra neuroni avvengono tutte all’interno dello stesso emisfero, nelle donne i due emisferi “dialogano” molto spesso. Anzi, quasi tutte le connessioni neurali sono “interemisferali”.

Avviene l’opposto nel cervelletto, che poi è la zona che controlla il coordinamento motorio: qui gli uomini diventano “interemisferali” mentre le donne attivano connessioni solo fra emisfero ed emisfero.

Poi c’è la questione del peso.

E’ giusto partire con un’ammissione. Sì, le donne hanno il cervello più piccolo e leggero. Non è un mistero. Gli scienziati lo hanno misurato: il cervello medio di una donna pesa 1,200 chilogrammi contro 1,350 kg di quello maschile. Eppure anche Albert Einstein aveva un cervello—piuma, e nessuno direbbe che funzionava meno bene perché aveva un volume minore. […] Ben aldilà di massa e volume, quello che conta sono le connessioni, o sinapsi, fra i neuroni. Solo da alcuni anni, grazie alle nuove tecniche di imaging (come la risonanza magnetica) gli scienziati sono riusciti ad entrare in un cervello vivo, vitale, e hanno iniziato a capire come funziona questa straordinaria macchina.

 

Una ricerca dell’Università della Pennsylvania ricostruisce il percorso delle connessioni fra neuroni all’interno del cervello maschile (a sinistra) e femminile (a destra) – fonte:Corriere della Sera
fonte: blitzquotidiano.it

Il primo codice genetico si chiamava Tna. -Space.


 Che cosa c’era prima del Dna? Forse, pensano i biologi, un mondo dominato dall’Rna. E prima dell’Rna? Come potrebbe aver cominciato a svilupparsi la vita? Forse, dice adesso un ricercatore del Biodesign Institute della Arizona State University, un’altra molecola più semplice, chiamata Tna.
Dna e Rna sono i due acidi nucleici che dominano il mondo come noi lo conosciamo e che servono alla vita, alla duplicazione e all’evoluzione di tutti gli organismi, dai virus agli uomini. Ma all’inizio, quando la vita è apparsa sul nostro pianeta, non è detto che abbia cominciato a svilupparsi grazie a queste molecole. Che sono estremamente efficienti nel copiare e trasmettere le informazioni che contengono, ma che sembrano un po’ troppo complicate per poter essere state davvero le prime a funzionare da database biologici. La caccia al loro predecessore è aperta da tempo e i misteri sono molti: come si sono formate queste molecole, come sono state intrappolate dentro strutture inorganiche diventate poi le prime cellule, come hanno cominciato a replicarsi e così via.

TNA codice-genetico

 Nel mistero della comparsa del Dna e dell’Rna o dei loro precessori, in effetti, è contenuto il mistero stesso della comparsa della vita. Adesso il biologo dell’Arizona State University John Chaput pensa di aver individuato nel Tna un buon candidato al prestigioso ruolo di primo codice genetico terrestre.  Il Tna è simile a Dna e Rna, come si capisce dalla sigla è sempre un acido nucleico. Solo che usa uno zucchero molto semplice, il treosio, al posto del deossiribosio del Dna o del ribosio dell’Rna.  Non solo, ma è in grado, oltre che di replicare se stesso, anche di interagire con gli altri due composti più famosi e quindi potrebbe aver davvero svolto il ruolo di progenitore dei codici genetici come noi li conosciamo.

Chaput ha fatto la prova ed ha scoperto che Tna e Dna possono “attaccarsi” uno all’altro, permettendo addirittura di trasporre da uno all’altro acido le informazioni (anche se una delle quattro basi usate dal Dna, la guanina, sembra creare qualche problema). Certo, lo scienziato sa che sarà molto difficile ottenere prove certe che il Tna sia stato davvero il precursore dei codici genetici “moderni”, anche perché i campioni di Dna di cui dispongono i ricercatori sono solo molto recenti, rispetto all’inizio della vita, collocato attorno ai 4 miliardi di anni fa. Ma è convinto che sia un ottimo candidato, visto la sua capacitò di contenere informazioni, di sottostare a processi di selezione e di formare strutture che svolgano funzioni più complesse. E intanto ha ottenuto la pubblicazione della sua ricerca su Nature Chemistry.


(Paolo Magliocco)
Fonti: http://www.ilsole24ore.com/

 

Viaggio spazio temporale. -Space.

Tutti gli oggetti hanno tre dimensioni: la lunghezza, l’altezza e la profondità. Esiste però una quarta dimensione, il tempo, purtroppo molto difficile da “vedere“. Riuscire a muoversi nella quarta dimensione come facciamo ogni giorno nelle altre tre, significherebbe viaggiare nel tempo, ma quali strumenti ci servono per attraversarla? E soprattutto, è possibile? Per rispondere a questa domanda, dobbiamo fare una netta distinzione tra il viaggio nel passato e quello nel futuro.

Spazio

Viaggiare nel passato

Molti fisici ritengono che il viaggio indietro nel tempo non sia possibile, a causa di un problema insormontabile e cioè che potrebbero crearsi dei “paradossi“. Cosa sono i paradossi?
Immaginiamo di creare una porta spazio temporale o comunque una sorta di macchina del tempo che apra un varco attraverso il quale poter tornare indietro nel tempo di qualche minuto ed immaginiamo di portare con noi una pistola per uccidere noi stessi: se morissimo nel passato, come avremmo fatto a tornare indietro dal futuro per ucciderci? Questo paradosso, nonostante nella mitica trilogia di “Ritorno al futuro” venga risolto con vari mutamenti degli eventi e con l’esistenza di mondi paralleli, si scontra con una delle leggi fondamentali che governano l’intero universo e cioè che le cause precedono sempre gli effetti; gli atti compiuti non possono mai annullarsi da soli. Per tale motivo, ci sarà sempre qualcosa che eviterà la creazione di paradossi e questo fenomeno si chiama feedback.

Il feedback

Tutti noi abbiamo ben presente quel fastidioso rumore che genera un microfono acceso messo davanti all’amplificatore. Quella sorta di fischio insopportabile è dovuto al fatto che il suono entra dal microfono, esce dall’amplificatore e rientra nel microfono amplificato, generando un circolo vizioso che crea un rumore sempre più forte; se non allontaniamo il microfono nel giro di qualche secondo, l’impianto audio verrebbe distrutto.

Feedback
Lo stesso fenomeno accadrebbe al nostro ipotetico cunicolo spazio temporale, solo che non verrebbe distrutto dal suono ma dalle radiazioni: il portale, espandendosi, lascerebbe entrare le radiazioni esistenti nell’universo le quali entrando ed uscendo creerebbero un feedback sempre più forte fino a distruggerlo in pochi istanti.

Viaggiare nel futuro

A differenza del viaggio nel passato, il viaggio avanti nel tempo probabilmente è possibile, ma per farlo dovremmo viaggiare molto, molto veloci!
Dovremmo raggiungere una velocità prossima a quella cosmica (o velocità della luce) che è di circa 300.000 Km al secondo. Immaginiamo di riuscire a costruire un binario che corre intorno alla Terra, su cui viaggia un treno iper veloce: se il treno riuscisse a raggiungere una velocità prossima a quella della luce e cioè se riuscisse a compiere 7 giri al secondo, il tempo a bordo inizierebbe a scorrere più lentamente rispetto a come scorre sulla Terra. Questo accade perché niente può superare la velocità della luce e così, più ci si avvicina a quella velocità e più il tempo scorrerà lentamente, tanto quanto basta per evitare che la stessa venga oltrepassata.

Città del Futuro

100 anni in 7 giorni

Questo esempio ci permette di capire il rapporto tra il tempo sulla Terra e quello sul treno: se il treno partisse il 1 gennaio 2013 e per 100 anni (tempo terrestre) continuasse a girare intorno alla Terra, il 1 Gennaio 2113 per gli uomini sarebbero trascorsi 100 anni mentre per i passeggeri del treno soltanto 7 giorni. Diminuendo la velocità, il tempo trascorso per i viaggiatori aumenterebbe sempre di più fino a coincidere con quello degli uomini sulla Terra.

Treno Spazio

L’acceleratore di particelle

Nonostante sia difficile riuscire ad immaginare che oggi che possa essere costruito un treno del genere, non dobbiamo dimenticarci che abbiamo già costruito qualcosa di molto simile e cioè l’acceleratore di particelle più grande del mondo che si trova presso il CERN di Ginevra.

???????????????

Questo acceleratore non è altro che un tunnel circolare lungo 27 Km, a 100 metri di profondità dal suolo, all’interno del quale miliardi di particelle subatomiche accelerano da 0 a 96 mila Km/h in una frazione di secondo: incrementando l’energia, le particelle vanno sempre più veloci fino a superare gli 11 mila giri al secondo e raggiungendo così una velocità prossima a quella della luce.

Tale velocità permette loro di viaggiare nel tempo! Questo lo sappiamo perché ci sono alcune particelle chiamate “pioni” che, nel tempo che conosciamo, si disintegrano in 25 miliardesimi di secondo ma quando vengono accelerate vivono 30 volte più a lungo.

I viaggi nel tempo hanno sempre affascinato tutti noi fin da quando eravamo bambini e probabilmente prima o poi riusciremo a realizzare qualcosa che ci permetta di andare nel futuro. Ma a differenza di tutti i film dove i viaggiatori del tempo vanno avanti e indietro, tornando sempre al presente, siamo proprio sicuri che ci piacerebbe ugualmente andare avanti senza poi poter tornare da dove siamo partiti?

Wormhole

Fonti reperite in rete.

Il Telescopio SKA Potrebbe Vedere l’Espansione dell’Universo in Diretta. -Space.


Una volta completato, lo SKA (Square Kilometer Array) sarà il più grande e potente telescopio mai costruito! Gli scienziati sperano di mappare in un dettaglio senza precedenti buona parte dell’universo osservabile, e questo telescopio sarà così potente da permetterci persino di osservare direttamente l’espansione dello spazio-tempo nell’arco di un periodo di appena 12 anni. Questa è la missione dichiarata da Hans-Rainer Klockner dell’Istituto Max Planck per la Radioastronomia, in Germania, con diversi scienziati del Portogallo, dell’Australia e degli USA. Insieme hanno pubblicato una proposta in questo senso sulla rivista Proceedings of Science.
Data l’enormità del progetto (trattandosi di centinaia di telescopi sparsi tra due continenti e con una rete centrale di un chilometro quadro), il telescopio debutterà nel 2030, ma già da ora gli scienziati iniziano a ragionare sulle sue funzionalità, così da ottimizzarlo già in fase di costruzione. Uno dei suoi impegni principali sarà comunque osservare miliardi e miliardi di nuove galassie.

Lo scopo degli scienziati è quello di misurare con grande precisione il redshift di miliardi di galassie per un periodo di tempo prolungato, per poter così notare anche i cambiamenti più piccoli. Dagli anni ’20  sappiamo che le galassie più lontane si stanno tutte allontanando da noi e tra di loro (esclusi i casi in cui si attraggono gravitazionalmente per la vicinanza, come la Via Lattea e Andromeda). Questo è spiegato dal modello cosmologico del Big Bang, che vede l’universo stirarsi continuamente. Non solo, ma dalla fine degli anni ’90, sappiamo che quest’espansione sta accelerando, grazie all'”energia oscura”. Misurare la posizione esatta delle galassie permetterà di capire con quale tasso esse si stiano allontanando, e questo sarà possibile grazie ad un miglior studio del redshift.

SKA_overview

L’immagine mostra come dovrebbe essere uno dei nuclei centrali del radiotelescopio SKA. Ogni antenna funzionerà in sincronia con tutte le altre, come se fossero una sola grande antenna. Uno dei luoghi papabili per la costruzione di questo radio-telescopio gigantesco è il Sud Africa.

SKA CSIRO_ASKAP_2010

Antenne ASKAP costruite presso il Murchison Radio-Astronomy Observatory nell’Ovest Australia.

Sarà anche un’esperimento estremamente difficile” ha spiegato il Dr. Keith Grainge, a capo del progetto, presso l’Università di Manchester, UK. Lo scienziato ha spiegato che lo SKA sarà in grado di misurare piccole variazioni nella frequenza del gas neutrale di idrogeno, molto abbondante in tutto l’universo.
L’idrogeno neutrale emette segnali radio a 1420.405752 MegaHertz. Nell’arco di 12 anni, dato il redshift cosmologico dovuto all’espansione, dovremmo vedere un cambiamento di 0.1 hertz. Cioè meno di 1/14 miliardi. E se questo non vi sembra abbastanza ambizioso, pensate che si tratta solo della stima minima. In realtà lo SKA potrebbe fare persino meglio di così.
Nel 2023 sarà completata la prima parte del telescopio, e già allora sarà estremamente potente, ma per riuscire a misurare così in dettaglio cambiamenti così piccoli servirà lo SKA in tutta la sua potenza, quindi dovremo aspettare il 2030, e per i risultati non ci resta che sperare di vedere il 2042.

Fonti trovate in rete.

 

Arriva “2004 BL86”, mezzo km d’asteroide ! -Space.


È atteso per le 17:20 ora italiana di lunedì 26 gennaio l’apice del flyby fra 2004 BL86 – un asteroide da 500 metri – e il nostro pianeta. Per un oggetto di queste dimensioni, sarà il passaggio più ravvicinato da qui al 2027. Raggiungerà magnitudine 9, visibile anche con strumenti amatoriali.

Mai visto un asteroide dal vivo? L’occasione per riuscirci si presenterà a fine gennaio, quando 2004 BL86, un pietrone dalle dimensioni stimate attorno ai 500 metri, passerà a circa 1.2 milioni di chilometri dalla Terra. Non proprio uno sfioramento, diciamocelo, visto che corrisponde più o meno a tre volte la distanza che ci separa dalla Luna: dunque un margine di sicurezza abbondantemente superiore anche alla soglia più pessimista. Ma comunque un passaggio degno di nota, non fosse altro che per la sua rarità: per vedere un altro oggetto di dimensioni comparabili intersecare così da vicino l’orbita terrestre,fanno sapere dalla NASA, occorrerà infatti attendere l’incontro con 1999 AN10, in calendario per il mese d’agosto del 2027.

2004 BL86

«Per l’asteroide 2004 BL86, quello di lunedì 26 gennaio sarà il passaggio più ravvicinato dei prossimi 200 anni», dice Don Yeomans, del Near Earth Object Program Office presso il Jet Propulsion Laboratory (JPL) della NASA. «Non rappresenta una minaccia per la Terra, perlomeno non nel prossimo futuro, ma si tratta comunque d’un flyby relativamente ravvicinato da parte d’un asteroide relativamente grande, dunque è un’opportunità unica per osservarlo e scoprire qualcosa di più».

Proprio per scoprire qualcosa di più sul versante scientifico, la NASA è intenzionata a seguire il passaggio di BL86 anche nella banda delle microonde, sfruttando come fossero dei radar le gigantesche antenne di Goldstone, in California, e dell’Osservatorio di Arecibo, a Puerto Rico. «Il giorno dopo il flyby, quando ci arriveranno i dati, saremo in grado di estrarne le prime immagini dettagliate», prometteLance Benner del JPL, al quale è stato affidato il compito di coordinare le osservazioni radar di BL86 con l’antenna di Goldstone, «e non escludiamo sorprese, visto che a oggi, di quest’asteroide, non sappiamo praticamente nulla».

Ma non sarà un’osservazione riservata ai radioastronomi: BL86 dovrebbe infatti essere sufficientemente grande, e passarci sufficientemente vicino, da diventare visibile a qualunque astrofilo dotato di un piccolo telescopio o anche solo di un comune binocolo. Dalle nostre parti, il momento ideale per l’osservazione dovrebbe presentarsi qualche ora dopo l’apice del flyby (che avverrà alle 17:20 ora italiana), nella notte fra il 26 e il 27 gennaio.

Un’occasione che nemmeno gli scienziati vogliono farsi scappare. «Mi sa che prenderò il binocolo e ci darò anch’io un’occhiata», dice Yeomans, «perché gli asteroidi hanno qualcosa di speciale. Non solo hanno portato sulla Terra i mattoni della vita e la maggior parte dell’acqua: in futuro potranno diventare miniere preziose per l’estrazione di minerali e di altre risorse naturali vitali. E saranno loro le “stazioni di rifornimento” per l’umanità nei futuri viaggi d’esplorazione del sistema solare. Insomma, c’è qualcosa, negli asteroidi, che mi fa venire voglia di guardarli».

Per seguire il passaggio in diretta webcast:

http://www.virtualtelescope.eu/webtv/

Fonti: http://www.coelum.com/ 

Elio-3:Energia Pulita Illimitata. -Space.


L’Elio-3 è un isotopo dell’elio composto da due protoni e un neutrone. La sua esistenza è stata postulata per la prima volta nel 1934 dal fisico australiano Mark Oliphant. È un isotopo raro sulla Terra ma si ritiene che l’elio-3 sia più diffuso sulla Luna (nello strato superiore delle rocce regolitiche, dove è stato incluso dal vento solare nel corso di miliardi di anni), e nei giganti gassosi del sistema solare (residui dell’antica nebulosa solare).
L’utilizzo dell’Elio-3 è particolarmente importante per la rilevazione di neutroni perché possiede elevata sezione di assorbimento per la radiazione termica dei neutroni, e viene usato come gas di conversione nei rilevatori.
E’ inoltre utilizzato nella criogenica in quanto i refrigeratori a diluizione usano elio-3 per raggiungere temperature criogeniche nell’ordine del millesimo di kelvin.
L’elio-3 è molto raro, e non viene in genere trovato in depositi naturali. Per questo viene prodotto artificialmente. L’elio-3 è un sottoprodotto del decadimento nucleare del trizio, e il trizio può essere prodotto bombardando con neutroni litio, boro, o azoto.
Sulla Luna le rocce regolitiche costituiscono una ricca fonte di elio-3. E’ per questo che l’esplorazione lunare e soprattutto la possibilità di installare una base lunare permanente è diventata sempre più popolare negli ultimi tempi.

La reazione nucleare elio 3-elio3, è molto potente e soprattutto pulita. Si stima che 1 tonnellata di elio-3 puo’ produrre 10.000 MW/anno di elettricità. Quindi, 25 tonnellate di elio-3 possono soddisfare il bisogno di elettricità degli Stati Uniti. Ma per conquistare questa frontiera, manca purtroppo la materia prima, vale a dire quell’elio 3 che sulla Terra non esiste. Sulla Luna invece, grazie all’analisi dei campioni lunari trasportati dalle missioni Apollo, l’elio 3 si concentra per il 50% nei mari lunari (20% della superficie lunare). Le analisi hanno ipotizzato la presenza una percentuale dello 0.01% di elio 3 tra le rocce lunari (circa 1 mil. tonn).
Questo apre le porte ad una nuova generazione di programmi spaziali con il naturale sbocco dello sfruttamento lunare a fini Energetici. Certo l’operazione non è delle più semplici. Bisognerebbe sviluppare tecnologie per estrarre dalle rocce l’Helio-3, renderlo fluido e trasportabile dalla Luna alla Terra.
Ci sono varie società e Paesi nel mondo che stanno pensando a programmi spaziali per accaparrarsi questa fonte energetica pulita.

Elio-3 Moon

L’Accademia delle Scienze cinese ha affermato che uno dei principali obiettivi del programma spaziale cinese è ottenere una fonte di elio-3 da cui trarre il combustibile per la generazione di energia tramite tre voli annuali. Nel gennaio 2006 la compagnia spaziale russa RKK Energiya ha annunciato di prevedere di poter estrarre elio-3 dalla Luna entro il 2020.

Matthew Gengè, scienziato e professore della Facoltà di Ingegneria presso l’Imperial College di Londra, dice che l’uso di elio-3 permette la fusione nucleare per la produzione di una quantità enorme di energia, senza scorie radioattive in eccesso,  prodotto nelle reazioni di fissione nucleare. La fusione nucleare non produce neutroni extra. Il vantaggio della fusione dell’elio-3 deriva dalla natura della sua reazione: di per sé non è radioattivo e l’unico protone ad alta energia creato nella reazione può facilmente essere controllato con campi magnetici ed elettrici. È interessante notare, che la fusione nucleare potrebbe risolvere anche problemi per lo smaltimento dei rifiuti tossici.

Gli scienziati dicono che solo 40 tonnellate di elio-3 raccolti dalla luna, (un importo che potrebbe essere trasportato nelle stive di carico due navette spaziali), potrebbero alimentare tutti gli Stati Uniti per oltre un anno sul loro consumo di energia corrente.

L’Elio-3 è raro sulla Terra perché l’atmosfera e il campo magnetico che circonda il pianeta,  impediscono a questo isotopo di essere presente sulla superficie. Al contrario la Luna, contiene grandi quantità di isotopo che è stato trascinato e collocato grazie ai venti solari.

È stato proposto anche di prendere l’elio-3 dalle giganti gassose. La British Interplanetary Society ha varato un ipotetico Progetto Daedalus per una sonda interstellare alimentata da elio-3 che andrà a raccogliere combustibile da Giove.

longshot-spaceship

Fonti reperite in rete.

La cellula del Sesto Senso – Nis

 

Sono state isolate le cellule del “sesto senso”, che percepiscono i campi magnetici e che sono alla base della bussola naturale di alcune specie, come i piccioni viaggiatori.
Il gruppo coordinato da Stephan Eder,dell’Università Ludwig-Maximilians di Monaco, la cui ricerca èstata pubblicata sulla rivista dell’Accademia delle Scienze degli Stati Uniti, Pnas, è riuscito ad isolare delle cellule magnetiche nella cavità nasale di una trota.
Ricchissime di ferro, le cellule sono cento volte più sensibili aicampi magnetici di quanto si credesse e le loro caratteristiche potrebbero essere la base di un sistema sensoriale magnetico.Da tempo è nota l’esistenza di un “sesto senso magnetico”, ma l’identità delle cellule specializzate in questa missione non era mai stata svelata.
Le cellule isolate nella trota contengono depositi ricchi di ferro e del materiale magnetico chiamato magnetite. “Negli ultimi 50 anni, gli esperimenti comportamentali hanno prodotto molte prove dell’esistenza di un senso magnetico in una grande varietà di animali”, spiega Eder.
“Tuttavia  la fisiologia sensoriale sottostante rimane poco chiara a causa dell’elusività delle strutture magneto-sensoriali”.
Osservando una sospensione di tessuto nasale del pesce con un microscopio ottico, gli studiosi sono riusciti a identificare queste speciali cellule dal loro movimento di rotazione, in presenza di una lenta rotazione del campo magnetico esterno.
Ogni cellula è dotata di particelle magnetiche ricche di ferro e ancorate alla membrana cellulare. “In sostanza, un campo magnetico rotante – prosegue Eder – viene impiegato per identificare visivamente le cellule che contengono materiale magnetico in base al loro comportamento rispetto alla rotazione”.
I risultati suggeriscono che le cellule sono in grado di rilevare il Nord magnetico, così come piccole variazioni del campo magnetico esterno. Fattori che possono costituire la base di un vero e proprio sistema sensoriale magnetico.
fonte : http://www.ansa.it/web/notizie

Cellula sensibile al campo magnetico isolata dal bulbo olfattivo (fonte: Hervé Cadiou, PNAS)

Il Mangostano ed il benessere naturale – Nis

Il Mangostano è una pianta tropicale sempreverde originaria del Sud-Est asiatico, che, nell’ultimo secolo, si è diffusa anche in Africa, nei Caraibi, in Australia ed in Sudamerica.
L’albero del Mangostano ha corteccia marrone-scuro, quasi nera e foglie corte, spesse e cuoiose. I fiori sono raggruppati da 3 a 9 nella parte finale dei rami. La prima raccolta dei frutti (MANGOSTINE) avviene dopo molti anni dal momento in cui l’albero è stato piantato.mangostano
Il Mangostano non sopporta temperature inferiori ai 4º C o superiori ai 37º C. infatti i tentativi di coltivare gli alberi sopra ai 20º di latitudine nord sono falliti.

Questo frutto tropicale (mangostina), è stato da secoli stato usato nella medicina popolare della Thailandia, Malesia, Filippine, Vietnam, India e Cina. E’ da notare che l’albero ed i suoi frutti non hanno bisogno di prodotti antiparassitari. Questo dimostra che la pianta dispone di meccanismi straordinariamente efficaci e di sostanze biologicamente molto potenti contro le aggressioni esterne.

Il frutto commestibile è contenuto in un pericarpo (scorza) tondeggiante di circa 5-7cm di diametro che assume un colore viola scuro quando giunto a maturazione.
La parte edibile 1 del frutto fresco è rappresentata dall’ arillo (spicchi carnosi) suddiviso in 4-8 lobi bianchi ed ha un sapore che ricorda vagamente la pesca ed una densità cremosa

Oggi, finalmente, dopo decenni di importanti studi scientifici, si sta evidenziando perché questo sorprendente frutto può favorire e riequilibrare lo stato di salute dell’organismo.

Recenti studi scientifici indicano che il mangostano è un frutto pieno di sostanze nutritive ed antiossidanti. Tra i suoi preziosi principi attivi troviamo, nel pericarpo, gli XANTONI, molecole che fanno parte della famiglia dei flavonoidi. Gli xantoni sono potenti sostanze anti-aging ed efficaci inibitori dei processi infiammatori (come dimostrato scientificamente), considerati dei super-antiossidanti.

  IL MANGOSTANO E GLI ANTIOSSIDANTI

Il mangostano è una fonte notevole di antiossidanti.
I più noti sono:

  • xantoni e altri bioflavonoidi
  • tannini e catechine
  • stilbeni e polifenoli

Gli Xantoni sono una classe unica di composti biologicamente attivi che possiedono vari potenziali bioattivi e proprietà antiossidanti
I Tannini sono astringenti, antinfiammatori e aiutano a diminuire i livelli di colesterolo.
I Polisaccaridi e le Catechine sono fitonutrienti con proprietà antitumorali.
Gli Stilbeni prevengono lo sviluppo di funghi nell’organismo.
Le Proantocianidine sono potenti antiossidanti.

Primo responsabile degli effetti sulla salute è l’α-mangostin (alfa-mangostin) che si trova in primo luogo nel pericarpo (buccia) del frutto.

 Gli XANTONI
Gli xantoni sono composti planari con 6 molecole di carbonio in un sistema di anelli costituito da una struttura molecolare con vari gruppi chimici aggiunti: due anelli di benzene collegati ad un gruppo carbonilico ed ossigeno. Ogni anello è collegato in formazione fusa che non permette la rotazione libera in legami carbonio-carbonio. Questa struttura unica, assieme al tipo ed alla posizione dei gruppi chimici connessi definisce le funzionalità specifiche degli xantoni.
Attualmente esistono 200 xantoni identificabili in natura; il mangostano è uno dei frutti con maggior numero di xantoni, ne contiene 43 tipi differenti, evidenziando una altissima attività antiossidante e di difesa contro i radicali liberi.

Cosa sono i “radicali liberi”

Sono delle particelle estremamente reattive che si formano in parte nel nostro organismo ed in parte sono assunti dall’esterno: prodotti di “scarto” che si generano naturalmente all’interno delle cellule del corpo quando l’ossigeno viene utilizzato nei processi metabolici per produrre energia (ossidazione).
Dal punto di vista biochimico, i radicali liberi sono frammenti di molecola dotati di un elettrone spaiato.

I radicali liberi sono molecole fortemente ossidanti, molto reattive; quando vengono a contatto con le cellule tendono ad attaccare la struttura di vari componenti cellulari, in particolare il DNA, i grassi e le proteine.
Uno dei maggiori rischi sono le lesioni irreversibili a livello del DNA che danno luogo ad alterazioni genetiche alla base di molte patologie degenerative e tumorali.
Quando prevale la produzione di radicali si viene a determinare un danno, definito stress ossidativo.
I radicali liberi accelerano l’invecchiamento cellulare, favoriscono l’insorgenza di tumori, problemi cardiovascolari, respiratori, neurologici e metabolici.

L’azione continua dei radicali liberi si evidenzia soprattutto nel precoce invecchiamento delle cellule e nell’insorgere di varie patologie gravi come il cancro, malattie dell’apparato cardiovascolare, diabete, sclerosi multipla, artrite reumatoide, enfisema polmonare, cataratta, morbo di Parkinson e Alzheimer, ecc.

Gli antiossidanti catalizzano le reazioni chimiche in grado di contrastare i radicali liberi e devono essere presenti in buona concentrazione nell’organismo, essi infatti, aiutano il buon funzionamento del sistema cardiovascolare, del sistema digestivo, del sistema immunitario, del sistema nervoso e dermico.

Il Mangostano ha evidenziato una altissima Capacità Antiossidante
Grazie allo studio effettuato mediante Test ORAC sull’estratto di Mangostano (titolato al 10% in mangosteen) confrontato con altre sostanze ad attività antiossidante esistenti in natura, si è evidenziata per gli xantoni del mangostano una elevatissima attività antiossidante

Il test O.R.A.C. (Oxygen Radical Absorbance Capacity- capacità di assorbimento dei radicali di ossigeno o radicali liberi) è un test che permette di misurare la capacità antiossidante delle sostanze vegetali per attribuire un valore quantitativo agli antiossidanti presenti negli alimenti.
Tale metodo è stato anche adottato dal Ministero dell’Agricoltura Statunitense (USDA) per misurare l’attività anti-radicali di frutta e verdura, alimenti preconfezionati, integratori dietetici, in modo da avere una immediata confrontabilità tra dati omologhi e scientificamente validi e realizzare quindi una “banca dati della capacità antiossidante”.
In particolare il test ORAC esprime i risultati con specifiche unità di misura (Unità ORAC), consentendo così di fare riferimento ad un livello di assunzione efficace per una buona protezione giornaliera.
Si stima infatti che l’apporto antiossidante quotidiano ideale, comprensivo di frutta e verdura, dovrebbe essere vicino o superiore alle 5000 Unità ORAC.
Studi clinici hanno individuato che il quantitativo minimo di Unità ORAC necessario per avere degli effetti significativi è pari a circa 2000.
Dati epidemiologici e studi in vitro suggeriscono che alimenti contenenti fitocomplessi con elevate attività antiossidante hanno grande effetto protettivo nei confronti dei fattori di rischio delle più diffuse patologie.

Gli studi hanno avuto inizio con l’estrazione e l’isolamento dei composti presenti nell’estratto di Garcinia mangostana dove sono stati identificati i principali Xantoni dotati di attività antiossidanti:
α-Mangostin e γ-Mangostin.
Si è poi valutata la capacità antiossidante, confermando che il γ-Mangostin ha proprietà antiossidanti superiori a quella della Vitamina E.

           IL MANGOSTANO E IL SISTEMA NERVOSO
Unità strutturale e funzionale fondamentale del sistema nervoso è il neurone. Queste cellule sono collegate tra loro ed hanno la proprietà di condurre una grande varietà di stimoli all’interno del tessuto nervoso e verso gli altri tessuti, coordinando così le molteplici funzioni del nostro organismo.neuroni

I neuroni sintetizzano delle molecole chiamate neurotrasmettitori che permettono la trasmissione di impulsi attraverso la sinapsi.

I neurotrasmettitori più conosciuti sono:

  • Acetilcolina
  • Noradrenalina o norepinefrina
  • Dopamina
  • Serotonina
  • Istamina

Le prostaglandine coinvolte in processi infiammatori:

  • Prostaglandina E (PGE)
  • Prostaglandina F (PGF)
La serotonina è un neurotrasmettitore centrale, una sostanza sedante e antidepressiva prodotta nel cervello. Gioca un ruolo molto importante sull’umore, ansia, sonno, dolore, abitudini alimentari,sesso e sul controllo di produzione ormonale dell’ipotalamo. Regola le funzioni neuroendocrine,la temperatura del corpo, l’attività motoria e le funzioni cognitive.

Furukawa K e i suoi collaboratori hanno riscontrato un’azione serotoenergica e istaminoenergica negli xantoni del frutto del mangostano 2.

Bassi livelli di serotonina si associano a stati di depressione e ansia e a casi di agressione, sono associati anche a casi di emicrania, inoltre causano una dilatazione dei vasi sanguinei.
Aumentando i livelli di serotonina migliora la qualità del sonno, diminuisce il dolore e migliora la memoria.

La serotonina promuovere la liberazione delle endorfine che sono relazionate al piacere e agli stati di allegria.
Ottimizzando i livelli di serotonina nel nostro organismo, riusciamo a regolare queste funzioni o stati.
Alcuni studi eseguiti in Germania, suggeriscono che le erbe che contengono xantoni, bioflavonoidi, flavonoidi,proantocianidine e glicoli fungono da antidepressivi perchè sono inibitori dell’attività monoammina ossidasi A e B che a sua volta elimina l’eccesso di noradrenalina e serotonina neuro-somatica.

Il mangostano possiede questa proprietà. Questo si traduce con un potente affetto antidepressivo.

IL MANGOSTANO E L’INFIAMMAZIONE

Secondo studi effettuati da Nakatani e dai suoi collaboratori il mangostano è un inibitore della sintesi della prostaglandina E2, per cui ha un’azione diretta contro tutti gli effetti nocivi della sovrapproduzione delle prostaglandine E2.

Come è noto le prostaglandine sono composti chimici che rivestono un importante ruolo nei processi infiammatori, esse devono essere tenute sotto controllo attraverso l’assunzione di antinfiammatori per la riduzione del dolore e di tutte le azioni a loro connesse in un organismo umano.
IL MANGOSTANO E LE ALLERGIE
L’infiammazione è alla base delle malattie allergiche ed è la risposta dei tessuti di fronte ai diversi elementi dannosi interni o esterni.
Diversi studi hanno evidenziato che l’alfa e il gamma mangostano bloccano i recettori dell’istamina, conferendogli un potere antiallergico.
Le infezioni possono scatenare delle complicazioni nei pazienti allergici (tonsilliti, sinusiti, dermatiti infettate da stafilococchi,ecc.), gli xantoni alfa e gamma mangostina potrebbero inibire la proliferazione batterica.
IL MANGOSTANO E L’OBESITÀ
obesoIl succo di mangostano ha proprietà antinfiammatorie che potrebbero aiutare a prevenire lo sviluppo di cardiopatie e diabete nei pazienti obesi. Lo studio, condotto presso la Medicus Research in California, descrive come il succo di questo frutto esotico abbassi i livelli di proteina C reattiva (CRP).
Secondo il dr. Udani : “Nelle persone che bevevano più di mezzo litro di succo di mangostano al giorno è stata rilevata una riduzione dei livelli di CRP statisticamente significativa”
L’infiammazione è alla base delle patologie caridovascolari ed un precursore della sindrome metabolica.
MODALITÀ DI CONSUMO

– Si cosiglia di bere dai 30 ai 150 ml di succo al giorno diluito in un bicchiere d’acqua prima dei pasti. – È opportuno diluire il succo in un bicchiare d’acqua.

CONTROINDICAZIONI

– Policitemia rubra-vera (unica controindicazione)

INTERAZIONI

– Farmaci anticoagulanti (potenziamento effetto)
– Farmaci antinfiammatori FANS (potenziamento effetto)
– Insulina (potenziamento effetto)

PRECAUZIONI

– Allergia ai componenti
– Bambini al di sotto di un anno
– Diverticoliti: assumerlo filtrato
– Costipazione: assumerlo diluito
– Gastrite: bere diluito, con un pizzico di zucchero o dolcificante. Iniziare con piccole dosi e durante i pasti
– Insufficienza renale: prendere 1 dose sempre alla stessa ora
– Diabete: quantità massima 60-90 ml al giorno. Inizio graduale (gocce) e controllare la glicemia.

 

fonti
http://www.erbeofficinali.org/proditte/mangostano.php