Archive | Scie …. RSS for this section

Deficit cerebrali da sostanze chimiche. -Space.


Cervello

Il numero di sostanze chimiche che potrebbero provocare alterazioni nello sviluppo cerebrale fetale e infantile è raddoppiato nel corso degli ultimi sette anni, e continua ad aumentare l’elenco di potenzialmente in grado di danneggiare il cervello. E poiché molte di queste sostanze si trovano in oggetti di uso quotidiano come abbigliamento, mobili e giocattoli, è necessario provvedere urgentemente a una revisione dei regolamenti nazionali e internazionali per la valutazione del rischio. E’ questo l’appello  pubblicato su “Lancet Neurology” in cui Philippe Grandjean e Philip J. Landrigan – rispettivamente della Harvard School of Public Health e delle Icahn School of Medicine at Mount Sinai – fanno il punto sul problema.

Se nel 2006 le sostanze neurotossiche per lo sviluppo cerebrale erano sei, tra cui piombo, metilmercurio, arsenico, policlorobifenili (PCB) e toluene, ora si hanno prove che la stessa azione è esercitata da altri sei prodotti chimici, manganese, i fluoruri, i pesticidi chlorpyrifos e DDT, il solvente tetracloroetilene e i ritardanti di fiamma a base di polibromodifenileteri (PBDE),  con effetti che potrebbero andare dal disturbo da deficit di attenzione (ADHD) alla dislessia fino a patologie ancora più gravi. Infatti, anche se la placenta è in grado di filtrare attivamente molte sostanze, osservano gli autori, non riesce a bloccare il passaggio dalla circolazione materna a quella fetale di molti composti tossici ambientali.

Schemi

Differenti schemi di attivazione cerebrale in adolescenti colpiti da esposizione prenatale a metilmercurio.

Nei soli Stati Uniti, i costi annuali diretti e indiretti conseguenti all’avvelenamento da piombo nella popolazione infantile sono stimati in circa 50 miliardi di dollari e quelli da metilmercurio in circa 5 miliardi di dollari. Ma questa potrebbe essere solo la punta di un iceberg, secondo Grandjean e Landrigan, secondo i quali potrebbe essere in atto una “pandemia silenziosa” di deficit neurocomportamentali che eroderebbero l’intelligenza e altererebbero i comportamenti.

Per dare un’idea delle dimensioni del problema gli autori riportano anche i risultati di studi che hanno posto in relazione la riduzione del potenziale intellettivo di una popolazione con la capacità produttiva e il PIL della nazione: ogni punto di QI perso, corrisponderebbe una perdita economica nell’arco della vita lavorativa stimabile in almeno 12.000 euro. Dato che in seguito all’esposizione al metilmercurio nell’Unione Europea vanno perduti circa 600.000 punti QI all’anno, tutto questo potrebbe tradursi in un danno economico annuo che si avvicina ai dieci miliardi di euro. E questo per quanto riguarda le sole sostanze nocive allo sviluppo cerebrale, ai cui effetti andrebbero aggiunti quelli delle oltre 200 capaci di danneggiare il cervello adulto.

Purtroppo, scrivono gli autori, la maggioranza delle oltre 80.000 sostanze industriali usate negli Stati Uniti non sono mai state testate rispetto a effetti tossici che potrebbero pregiudicare lo sviluppo del cervello del feto o un bambino. “La nostra grande preoccupazione –  affermano i due – è che i bambini di tutto il mondo siano esposti a sostanze chimiche tossiche non riconosciute”. Per questo propongono una nuova strategia di prevenzione internazionale che attribuisca ai produttori chimici l’onere di dimostrare che i loro prodotti sono a basso rischio attraverso una serie di test simili a quelli adottati per i farmaci.

All’obiezione sui costi elevati di queste procedure, gli autori rispondono con un dato: negli Stati Uniti, si stima che ogni dollaro speso per ridurre i rischi legati al piombo produca un beneficio in media dai 17 dollari ai 220 dollari, a seconda che si considerino i risparmi diretti o anche indiretti. Senza contare che “i costi collegati alle conseguenze della neurotossicità durante lo sviluppo cerebrale sono enormi, e i benefici sulla prevenzione delle patologie degenerative del cervello molto rilevanti”.


Fonti: http://www.lescienze.it/

Sparare in cielo uno scudo antiradiazione – Nis

Tratto dal Corriere della Sera, un articolo di Foresta Martin Franco che porta all’attenzione dei lettori i progetti di Edward Teller, noto scienziato ungherese, he nel 1997, ad una conferenza tenuta presso il Centro Ettore Majorana di Erice, con i quali intendeva affrontare i problemi dell’effetto serra.

 

Uno sconcertante progetto del celebre scienziato Edward Teller per affrontare i problemi dell’effetto serra Sparare in cielo uno scudo antiradiazione ERICE L’ingegneria planetaria, cioe’ la possibilita’, da parte dell’uomo, di modificare a proprio vantaggio i grandi sistemi geologici e geofisici della Terra, e’ una delle chimere della fantascienza.

Centro Ettore Majorana di Erice

Centro Ettore Majorana di Erice

Al Seminario sulle “Emergenze Planetarie”, che si e’ svolto presso il Centro Ettore Majorana di Erice, questa chimera e’ diventata un progetto scientifico: “I cambiamenti climatici, provocati dall’uomo o da cause naturali, possono essere scongiurati da meccanismi artificiali di regolazione della radiazione solare”. Quali? C’e’ l’imbarazzo della scelta: prodotti chimici, metalli e cristalli, da immettere in stratosfera o in orbita terrestre, sotto forma di minute particelle.

A sottoscrivere queste singolari affermazioni e’ Edward Teller, uno scienziato di indiscussa genialita’, anche se si e’ spesso attirato severe critiche per la sua adesione a programmi di ricerca scientifica e tecnologica finalizzati alla produzione di nuove armi.

Membro del Manhattan Project che porto’ alla realizzazione della prima bomba atomica durante la Seconda guerra mondiale, padre della bomba H sperimentata negli anni ’50, piu’ recentemente fra i maggiori supporter dello scudo stellare, Teller doveva intervenire personalmente al seminario di Erice, come fa puntualmente da diversi anni, per presentare il suo grandioso progetto di ingegneria planetaria dal titolo esplicito: “Effetto serra e glaciazioni. Prospettive per un meccanismo di regolazione dei cambiamenti globali su basi fisiche”.

Gli acciacchi della sua tarda eta’ (compira’ 90 anni a gennaio prossimo) glielo hanno impedito: al suo posto ha parlato il suo allievo Lowell Wood, che e’ il secondo firmatario del progetto.

Lowell Wood ed Edwuard Teller

Lowell Wood ed Edwuard Teller

Secondo Teller e Wood i tempi sono maturi per sperimentare una serie di “scatterers”, ossia di dispositivi per la diffusione della radiazione solare, che possono essere impiegati per modulare, a piacimento, le temperature medie globali. “Da piu’ parti viene suggerito che per prevenire il surriscaldamento globale, dovuto alle emissioni di gas serra nell’atmosfera da parte dell’uomo, si debba ricorrere a riduzioni dei consumi energetici concordate su basi internazionali. Tali limitazioni comportano un impatto economico stimato in 100 miliardi di dollari all’anno.

Ebbene noi, a costi inferiori alla centesima parte di questa cifra, suggeriamo l’impiego di scatterers che rimandino indietro nello spazio circa l’uno per cento della radiazione solare che oggi arriva sulla Terra: tanto quanto basterebbe per scongiurare il surriscaldamento globale. D’altra parte quando, come ci si aspetta, arrivera’ una delle cicliche ere glaciali, un analogo tipo di scatterers potrebbe essere impiegato per impedire l’uscita di quel tre per cento della radiazione termica terrestre necessario per mantenere le nostre temperature medie ottimali e evitare che il nostro pianeta precipiti nel gelo delle glaciazioni”.

Gli scatterers di cui Teller e Wood propongono la rapida sperimentazione sono di diversi tipi e dovrebbero essere collocati in diversi luoghi dentro o fuori il pianeta, al fine di verificarne la funzionalita’ e l’impatto ambientale.

 

Eccoli in ordine crescente di efficienza nella diffusione della radiazione solare.

1) Spray di ossidi di zolfo (SO2 o SO3) da disperdere in stratosfera emulando un’emissione simile a quella prodotta dal vulcano filippino Pinatubo;

2) particelle di alluminio allo stato cristallino (Al2O3) da immettere in stratosfera attraverso i getti di missili;

3) minuscole pagliette di metalli a elevata conducibilita’ da distribuire o in stratosfera oppure in orbita terrestre;

4) palloncini volanti ricoperti di un sottile film metallico, del tutto simili a quelli usati per gioco dai bambini, da liberare dal suolo fino alla stratosfera;

5) particelle submicroscopiche di perfluoroidrocarburi con capacita’ di diffondere la radiazione solare per risonanza, da collocare in stratosfera.

 

Assicurano Teller e Wood, che nel caso della collocazione stratosferica, sarebbe possibile variare la quantita’ degli scatterers anche in funzione della latitudine, in modo da creare una serie di bande parallele all’equatore e arrivare cosi’ a una “regolazione fine” della radiazione solare a seconda delle esigenze.

Quanto alla massa totale del materiale necessario per ottenere gli effetti desiderati, essa varia dai milioni di tonnellate (caso degli scatterers meno efficienti) alle migliaia di tonnellate (scatterers piu’ efficienti). quale spray

Cio’ che ha piu’ colpito la platea di Erice non e’ tanto l’eccesso di innovazione e di stravaganza del progetto (gli scienziati americani ci hanno abituato a delle fascinose fughe in avanti), quanto la totale mancanza di sensibilita’ ambientale che lo contraddistingue. Risolvere l’effetto serra nei termini proposti da Teller significa rimuovere del tutto la questione degli sprechi e dell’inefficienza energetica, a danno totale del pianeta che si afferma di voler salvare.*

Foresta Martin Franco

Pagina 23
(14 settembre 1997) – Corriere della Sera

Google: utilizzare le nanotecnologie per “sconfiggere la morte” -Space.

Da quando Google ha smesso di essere “solamente” un motore di ricerca ha cominciato ad espandersi verso praticamente qualsiasi settore della scienza e delle tecnologia. Uno dei campi verso i quali il colosso di Mountain View sembra mostrare il maggior interesse è quello della salute. Gli esempi da questo punto di vista sono molteplici: dalla mappatura completa di un corpo umano sano al tentativo di sviluppare delle lenti a contatto in grado di monitorare i livelli di glucosio nei diabetici, passando per Google Fit, che con la nuova versione di Android permetterà di gestire i dati delle app relative al fitness o alla sperimentazione dei consulti online con dei medici.

Nanotecnologia

L’ultima novità in ordine di tempo è rappresentata dagli sforzi di sviluppo di nanotecnologie in grado di individuare i primi segni di una malattia. Il progetto è stato annunciato da Andrew Conrad, direttore della divisione Life Sciences di Google, nel corso di una conferenza organizzata dal Wall Street Journal.

Conrad ha una vasta esperienza nel campo, essendo stato co-fondatore e, dal 1991 al 2013, responsabile scientifico del National Genetics Institute, un laboratorio specializzato nello sviluppo di metodi all’avanguardia per i test del sangue: “Stiamo cercando di prevenire la morte prevenendo le malattie”, ha spiegato lo scienziato. Fondamentalmente, il nostro nemico è la morte. Il nostro nemico è la morte non necessaria. Dal momento che abbiamo la tecnologia per intervenire, dovremmo spendere più energia e sforzi a questo proposito”.

L’idea alla base del progetto è al tempo stesso estremamente semplice ed enormemente complessa: Google vorrebbe impiegare minuscole nanoparticelle magnetiche (di dimensioni pari ad 1/1.000 rispetto a quelle di un globulo rosso) in grado di entrare nel flusso sanguigno ed “agganciarsi” a determinate cellule e valutarne lo stato di salute.

Per lo sviluppo di una tecnologia del genere saranno necessari ancora alcuni anni (almeno cinque, secondo il report del WSJ), in quanto esistono numerosi ostacoli da superare, sia di tipo tecnico che legislativo: Google dovrà dimostrare che queste nanoparticelle sono sicure (ed efficaci, ovviamente) nel corso di trial clinici molto estesi prima di poter ricevere l’autorizzazione a procedere dalla statunitense Food & Drug Administration (FDA).

Nanotecnologia

Da un punto di vista tecnico, il concetto di base sembra essere fondato: se prendiamo l’esempio del cancro, le cellule tumorali tendono a comportarsi in modo diverso da quelle sane, ad esempio producendo determinate proteine o enzimi. Le nanoparticelle di Google dovrebbero essere in grado di agganciarsi alle cellule, verificare la loro condizione e comunicare i risultati ad un dispositivo magnetico indossabile deputato a fornire un quadro della situazione quasi in tempo reale. Se la cosa appare complessa è perché lo è, ma potrebbe essere una tecnologia rivoluzionaria, e distante solamente pochi anni.

 Fonti reperite in rete.

Psicologo Online – Il risvolto psicologico di “Uomini e Donne”

La solitudine e la tv.
Articolo interessante.
Patty.

Dott.ssa Ilaria Rizzo

Psicologo Online - Il risvolto Psicologico di "Uomini e Donne" Psicologo Online – Il risvolto psicologico di “Uomini e Donne”

Sono numerose le considerazioni negative che sento in riferimento alle trasmissioni condotte da Maria De Filippi. Su “Uomini e Donne” ormai se se son dette tante nel corso degli anni: “Il pubblico litiga sempre”, “E’ tutto finto”, “Sempre la stessa trasmissione” e tanti altri commenti che testimoniano un poco interesse a guardare la trasmissione. La cosa strana è che in molti alle 2.45 del pomeriggio si siedono davanti alla televisione e si sintonizzano su Canale 5 curiosi di conoscere le ultime novità di Uomini e Donne. Come mai questo accade? Qual è il modo attraverso cui questa trasmissione ottiene un elevato audience nonostante le critiche?

Seppur la trasmissione possa sembrare apparentemente semplice, essa riesce in un compito arduo, ovvero quello di portare il pubblico a vivere le emozioni che trattiene. Si può trattare del ricordo di emozioni passate oppure del…

View original post 370 altre parole

Scie chimiche e l’influenza chimica – Nis

Come pubblicato dal quotidiano “IlMattino” e riportato dal sito web tankerenemy.com, in provincia di Belluno nel giugno di quest’anno si sono diffusi focolai di una polmonite anomala, i cui sintomi sono per lo più quelli descritti dal Dottor Leonard Horwitoz, il medico statunitense che ha coniato l’espressione “influenza chimica” per designare una varietà di sindromi provocate direttamente o indirettamente dalle irrorazioni.

Dr. Leonard Horowitz

Dr. Leonard Horowitz

 

Le chemtrails, scirve la giornalista Eleonora Scarton del IlMattino.it,  da un lato deprimono il sistema immunitario, rendendo l’organismo vulnerabile a molte patologie, dall’altro contengono o veicolano microorganismi all’origine di varie infezioni batteriche. Anche le sempre più frequenti micosi dipendono in gran parte dalla geoingegneria clandestina, poiché nei serbatoi degli aerei, dai cui carburanti provengono i filamenti, tendono a proliferare le spore fungine.

 

Una polmonite atipica ha colpito il Feltrino, insinuandosi nelle persone in maniera subdola.
“Non tutte le polmoniti sono uguali, spiega il primario di Pneumologia dell’A.S.L. 2, Franco Maria Zambotto, quella classica è nota a tutti e si manifesta improvvisamente con tosse, malessere e febbre molto alta.
Il medico, durante la visita, riesce a sentire rumori polmonari e così elabora la diagnosi che va confermata con una radiografia”.
In questi ultimi tempi, però, alla normale polmonite si è affiancata anche una forma “atipica” che quest’anno sembra avere conosciuto un picco particolare, causato dai forti sbalzi termici. “In questo caso, prosegue Zambotto, le persone colpite manifestano malessere generale, dolori ossei e muscolari simili a quelli causati dall’influenza, tosse secca e non catarrosa, con febbre non sempre alta”.

fluviruslab

 

Le scie chimiche distruggono la vostra funzione immunitaria

 

Rammentiamo che nel corso degli ultimi 10 anni, Horowitz è diventato un’autorità controversa nel sistema medico statunitense. Con una formazione universitaria di ricercatore medico, Horowitz di 48 anni, accusa che alcuni elementi del governo degli Stati Uniti che cospirano assieme alle principali aziende farmaceutiche per ridurre ampi segmenti della popolazione all’infermità.
I media riportano che i pronto soccorso degli ospedali sono oberati da pazienti che soffrono di una strana infezione delle vie respiratorie superiori che non sembra essere provocata da un virus. Stanno inoltre segnalando che si tratta di una influenza “misteriosa” e che i consueti vaccini contro l’influenza sono inefficaci.
DCP_1163

 

“Questo è tutto una sciocchezza, un falso”, dice il Dott. Leonard Horowitz. “Il fatto della questione è che abbiamo visto questo tipo di epidemia per la prima volta tra la fine del 1998 e l’inizio del 1999. Le persone sono state affette, con forte tosse, da questa malattia bizzarra che non sembra seguire l’insorgenza logica virale o batterica o rappresentare un periodo di transizione. 

Se fosse davvero un’infezione batterica o virale, avrebbe causato la febbre, ma non è stato così. E’ durata per settimane, se non mesi. Congestione sinusale, drenaggio del setto nasale, tosse, stanchezza, malessere generale. Le persone si sono sentite ‘spente’. Il Research Institute of Pathology delle Forze Armate ha registrato un brevetto per un micoplasma patogeno che causa questo tipo di epidemia. È possibile visualizzare il report dei brevetti nel libro: codici per l’Apocalisse biblica.
Il micoplasma non è in realtà un fungo, non è proprio un batterio e non è proprio un virus. Non ha una parete cellulare. Va in profondità nel nucleo cellulare rendendo così molto difficile elaborare una risposta immunitaria contro di lui. Si tratta di una relazione di un brevetto per un’arma biologica che spiega come provocare infezioni croniche delle vie respiratorie superiori che sono praticamente identiche a quello che si sta riscontrando in questo momento.”
scie_05

 

 “Credo che le scie chimiche siano responsabili di una intossicazione chimica pubblica, che sarebbe poi in grado di causare una soppressione immunitaria generale, a basso o alto grado, a secondo dell’esposizione. La disfunzione del sistema immunitario mette le persone nella condizione di diventare sensibili alle infezioni opportunistiche, come questa di micoplasma ed altre infezioni opportunistiche “, così dice il Dr. Horowitz.
Ho iniziato a studiare le scie chimiche, quando sono state spruzzate sopra la mia casa nell’Idaho del Nord. Ho preso alcune immagini e poi ho contattato la Environmental Protection Agency dello stato che era all’oscuro dell’operazione così come l’Air Force. Mi hanno messo in contatto con il Centers for Disease Control, reparto di Tossicologia, e dopo circa una settimana ho ricevuto una lettera da uno dei loro principali tossicologi che affermava che, in effetti, era stata rilevata una certa quantità di dibromuro di etilene nel carburante degli aerei.
Il Dibromuro di etilene è un noto agente cancerogeno chimico per gli umani che è stato rimosso dalla benzina senza piombo a causa dei suoi effetti cancerogeni. Ora improvvisamente è apparso nei residui di carburante che ad alta quota gli aerei militari emettono!”
Il Dibromuro di etilene, che è venuto fuori dai carburanti per jet, causa immunosoppressione e indebolimento del sistema immunitario delle persone. Poi ti viene un microbo, un micoplasma oppure un fungo che ti causa una malattia delle vie respiratorie superiori. Improvvisamente si sviluppa una infezione batterica secondaria. Poi vieni colpito con antibiotici e gli antibiotici causano acidità nella chimica del vostro corpo, così ora puoi riscontrare eruzioni cutanee ed altri inconvenienti, il fegato si riempie di tossine che fuoriescono attraverso la pelle tramite eruzioni cutanee e si notano reazioni bicolore associate con altri prodotti chimici. Ho colleghi nelle Bahamas, alle Bermuda, a Toronto, nel British Columbia che segnalano tutti la stessa ‘semina’ bizzarra dell’atmosfera. Ciò che sta accadendo è solo spregevole.
Tutto ad un tratto gli esseri umani sono completamente fuori equilibrio e vengono infettati da due, tre o quattro microbi e co-fattori ed inoltre intossicati da una varietà di diverse sostanze chimiche … e qualcuno sta per essere considerato come malato cronico. 
fonti
http://www.segnidalcielo.it
http://latanadizak.blogspot.it

Onde SSSS, Sistema di Gamma Acustica Silenziosa: La tacita arma del nuovo Governo Mondiale. (Elojsa)

Da leggere!!!!

Contro la Massoneria e gli Illuminati

Quando i fatti parlano da soli, le parole altro non possono fare che esplicare. E’ risaputo che il parlamento è il coltello con cui s’impongono le scelte decretate dai mandanti (esempio ne è la Banca centrale che difatti ultimamente è stata favorita da Laura Boldrini, Presidente della camera, con l’approvazione del decreto Imu-Bankitalia e i poteri forti, un gruppo di uomini molto ricchi che da dietro le quinte scelgono le sorti dell’umanità). E’ risaputo che nel parlamento siedono gli esecutori (adepti prevalentemente appartenenti alla Massoneria), i quali pigiano i bottoni per accendere la miccia che nutrirà il meccanismo della violenza. Si utilizza la vecchia tattica del far credere in teoria di aver preso una scelta per il bene del paese, quando in pratica la priorità sarà quella di aumentare la pressione sulla gente aumentando le tasse e rendendo difficoltosa la vita. Perché? Il motivo è quello di scaturire sommosse atte…

View original post 1.288 altre parole

Canone Rai: e se lo si abolisse?

Iperattivo Categorico

In una ricerca condotta non molto tempo fa il Canone Rai risultava come una delle tasse più odiate dagli italiani. A ripetere quella ricerca probabilmente lo sarebbe anche oggi, col Canone di nuovo al centro dell’attenzione per via della riforma che lo vedrebbe integrato nella bolletta elettrica, misura atta a evitare le alte percentuali di evasione.

IMG_1008.JPG

Come si può vedere sopra, rispetto agli altri Paesi europei il costo del Canone Rai è basso sia in termini assoluti che in rapporto al reddito annuo medio. E l’idea del Canone nella bolletta, di cui si parla da parecchi mesi, vedrebbe un ulteriore diminuzione del costo che passerebbe dai 113,5 euro a un costo di 65/70 euro circa. Questo, secondo le stime, permetterebbe di incassare circa 1,8 miliardi di euro rispetto all’1,5 miliardi incassati oggi con una tariffa superiore: merito dell’azzeramento dell’evasione di questa tassa, che oggi si calcola in almeno il…

View original post 272 altre parole

Stalli per aiutare gli animali in difficoltà. -H.M.

Cos’è lo stallo?
Lo stallo è un atto di volontariato che consiste in ospitare animali in attesa di adozione senza farli aspettare in box e gabbie al freddo.

748688926_f0ffa60335
Gli animali che salviamo spesso non hanno mai vissuto in una casa prima, oppure si trovano in una situazione pericolosa e necessitano di essere tolti subito, ma spesso i volontari sono al completo e non hanno posto.

Ed ecco che nasce lo “Stallo”.
Prendere un animale in stallo comporta una responsabilità ed un impegno importante.
I volontari restano al vostro fianco occupandosi dell’adozione e facendosi carico delle spese per visite veterinarie, farmaci e cibo.
E’ richiesto un costante aggiornamento, possibilmente corredato di fotografie.
In questo modo il peloso non deve trascorrere il tempo che lo separa dall’adozione in una gabbia, in un box tra le sbarre a prendere freddo, ma in una casa dove può essere meglio seguito sia dal punto di vista sanitario che psicologico.

Vuoi offrire uno stallo ad un cane / un gatto?
Se volete proporvi come candidati per offrire stalli ponetevi le seguenti domande:

– Avete abbastanza tempo da dedicare all’ospite peloso?
– Il padrone di casa è d’accordo?
– I vicini di casa sono amici degli animali e tollerano un abbaio?
– L’ospite sarà ben accetto dai propri pelosi?
– Siete disposti ad ospitare il peloso per tutto il tempo necessario a trovargli un’adozione anche se si tratta di un periodo lungo?
– Visto che l’animale sarà ospite in casa vostra, siete disposti a dedicare l’impegno e il tempo essenziale per prendersi cura (pulizia dei bisognini, farlo mangiare,bere, ecc) del peloso?

Grazie di cuore a tutti, siamo gocce in un immenso oceano, ma cerchiamo di fare la differenza.

255298_4291558450850_765776311_n (1)

Campagna per la prevenzione del cittadino contro le Scie Chimiche – Nis

dottore

 

Tempo fa pensavo di essere una persona normale, istruita, dotata di buon senso e di una vivace intelligenza. Tra le mie passioni c’era la musica, il cinema e l’aviazione; tra le mie esperienze, l’amore, le amicizie, il lavoro, le delusioni.

Tempo fa pensavo di essere una persona onesta intellettualmente e praticamente. Oggi mi hanno detto che non è vero; qualcuno, dopo avermi osservato, ha deciso di prendere la mia cartella e spostarla in un altro cassetto, nel reparto: ―Inaffidabili―.

Mi sono state offerte due possibilità: la categoria degli ingenui creduloni, oppure quella dei disonesti sfruttatori di questi ultimi; se insisterò a chiedere spiegazioni, verrò registrato in questa seconda categoria, la più infamante.ammalato

Mi è stato anche detto chi sono; è curioso perchè da solo non ci sono mai arrivato a capirlo ma mi è stato assicurato che qualcuno lo ha capito per me; sono un ―Cospirazionista―. Non so esattamente cosa voglia dire, ho provato a consultare un vocabolario …

… ma il termine non esiste; di certo però ha un suono sgradevole, richiama alla memoria qualcosa di subdolo, ricorda il tradimento perchè assomiglia troppo al termine ―Cospiratore―.

Ho scoperto che si tratta di una setta pericolosa e ci sono gruppi di persone organizzate che parlano alla gente, e dicono loro che quelli come me sono esseri infami, perchè sfruttano il dolore e l’ingenuità del prossimo per un profitto personale. Si insiste parecchio sulla natura sporca della nostra anima e sulla totale inattendibilità e follia delle nostre domande. Forse in breve tempo, vedrò comparire quei documentari appartenenti alla storia passata, in cui si paragonava un gruppo religioso a dei topi di fogna, ma rifatti e adattati alle esigenze di oggi; perchè è necessario educare la gente e proteggerla da quelli come me.

Oggi mi è stato detto che sono malato ma che se accetto di curarmi posso ancora guarire; nessuno infatti, mi offre più un lavoro e la gente mi ride in faccia, comincio a notare in alcuni anche una certa ostilità ma con grande umanità mi è stata offerta l’opportunità di reintegrarmi. Mi è stato suggerito che probabilmente sono in buona fede, non è soltanto colpa mia.

elPerdonatemi, ho dimenticato di raccontarvi perchè sono stato separato dalla gente ―normale―; e’ stato a causa di un difetto nella mia memoria. Mi ero convinto di vedere cose che non avevo mai visto mentre, in realtà, erano sempre esistite, fin da prima che io nascessi. Questa mia tendenza era pericolosa perchè avrei potuto turbare la tranquillità del mio prossimo inserendo dubbi e paure ingiustificate nella sua mente.

Mi è stato spiegato che la scienza è una cosa seria; non ci si improvvisa ricercatori perchè ci sono persone che hanno studiato e faticato per una vita intera prima di raggiungere i vertici della conoscenza scientifica di cui poi beneficiano tutti gli uomini. Ed è particolarmente odioso ed offensivo mettere in dubbio le verità acquisite con delle domande che maturano dalla nostra totale incompetenza. Mi chiesero perchè fossi convinto di vedere una diversità nel normale ordine delle cose, vollero che spiegassi loro i motivi della mia mancanza di fiducia in ciò che la televisione comunicava ogni giorno con assoluta trasparenza.

Risposi che non possedevo una televisione da molti anni ma che osservavo il mondo attorno a me. scie

E allora capirono tutto, mi dissero che avevo peccato di arroganza e superficialità, mi chiesero se mi avrebbe fatto piacere sapere che mio figlio aveva buttato i libri di studio per marinare la scuola tutti i giorni, perchè questo avevo fatto privandomi del mio diritto all’informazione.

Devo confessarvi che grazie a tante persone premurose e ansiose di aiutarmi sono guarito. Mi hanno portato all’aperto e mi hanno chiesto:

-Cosa vedi?
– Scie bianche attraversare il cielo, tante, tantissime
– Le vedi anche da altre parti?
– Si, nei giornali, nei film, anche nei cartoni animati
– E cosa ti suggerisce tutto questo?
– Che hanno sempre fatto parte della mia vita, ci sono sempre state, non è mai stato diverso
– Bene, ora dillo anche agli altri, che non bisogna avere paura di ciò che non esiste.

– Grazie dottore, mi sento decisamente più tranquillo.

dott e paz

di F.Povoleri

I “POTERI” PERDUTI DELL’UOMO

Da leggere..

ProspettivAlternativa

Il Cristianesimo è uno strumento per rimuovere la conoscenza spirituale ed occulta dalla popolazione in modo che tale potere possa essere tenuto nelle mani di pochi per manipolare e schiavizzare le masse.

Quando il Cristianesimo o i suoi coorti prendevano controllo di una regione o di un paese, i testi spirituali antichi e gli archivi venivano rimossi e/o distrutti e coloro che avevano conoscenze spirituali venivano sterminati dall’Inquisizione.

La maggior parte delle persone non si accorge di questo perché a loro manca la conoscenza dell’occulto, del potere del pensiero, e dell’energia psichica. (poteri che OGNUNO di noi ha fin dalla nascita)

Ovviamente, l Potere dei piccoli uomini, lavora per rinforzare il concetto che l’occulto, i poteri della mente e dello spirito non abbiano senso e siano sciocchezze.

Distruggendo gli archivi antichi, si permise che una “storia” alternativa inventata fosse scritta, in maniera da scollegare l’umanità dalle sue vere origini. Controllare…

View original post 407 altre parole