Le Tre Grandi Luci: spirito, anima e materia. – Nis

a15
Considerando l’inscindibile legame tra i due simboli e le riflessioni sulla Squadra legata alla Materia e quindi alla Terra e il Compasso legato allo Spirito e quindi al Cielo, possiamo sostenere che anche il legame tra Materia e Spirito e fra Terra e Cielo è indissolubile, così come l’unione tra Macrocosmo e Microcosmo.
Nel simbolo triplo, quindi con Squadra e Compasso posti sopra il Libro Sacro aperto, possiamo riconoscere la manifestazione del G.A.D.U. tramite la creazione del cielo e della terra.a5
Le Tre Grandi Luci unite assieme rendono sacro il Tempio massonico, in una simbologia essenziale per compiere i Lavori.
Le Tre Grandi Luci sono espressione della Luce massonica ricercata e voluta, che si riferisce al Tutto: spirito, anima e materia.
 a16
Questo simbolismo triplice, può anche essere interpretato come la natura umana divisa in tre parti – corpo,mente e anima e, in tale comprensione le Tre Gran Luci diventano le direttrici che guidano le tre nature: la Squadra il corpo, il Compasso la mente, ed il Volume della Legge Sacra l’anima.
Squadra e compasso sono sovrapposti e non sottoposti al Libro Sacro, ciò perché il Massone rifiuta qualsiasi concezione religiosa dogmatica.
Il Libro chiuso o sigillato è Sapienza Assoluta o Divina Sapienza, il Libro aperto ès1 premessa dell’attività irraggiatrice del G.A.D.U. che si manifesta. Il Libro aperto quindi allude ad una condizione intermedia, è una realtà tra la Quiete del Libro Sigillato e il divenire del Compasso aperto, quando lo si sovrappone.
E se i due simboli di Squadra e Compasso congiunti ci ricordano che lo Spirito non esiste senza la Materia e ci esortano a rimanere nel limite del ragionevole, i tre simboli insieme ci invitano ad evitare gli estremismi del materialismo, perché c’è il Libro Sacro o dell’eccessivo misticismo, perché c’è la Squadra, e a saper vivere così “tra la Squadra e il Compasso”.
a9Un’interpretazione alchemica riassunta da Fulcanelli ne Il Mistero delle Cattedrali, recita: …vediamo la materia prima dell’Opera espressa simbolicamente da un libro ora aperto, ora chiuso, secondo ch’essa sia stata lavorata o sia appena estratta dalla miniera. Talvolta, quando questo libro è raffigurato chiuso, indicando cosi la sostanza minerale grezza, – non è raro vederlo anche sigillato da sette bande; sono il segno delle sette operazioni successive che permettono di aprirlo poiché ciascuna di esse spezza uno dei sigilli di chiusura. Tale è il Gran Libro della Natura, che racchiude, nelle sue pagine, la rivelazione delle scienze profane e quella dei misteri sacri.
 a11
Il movimento del Compasso non solo ha la capacità di modificare ciò che esce dal libro, ma anche di creare delle molteplicità e sempre più differenziazioni, quindi, cambiando il verso alla direzione, una pluralità infinita di vie si riconducono verso l’Alto per conquistarela Sapienza. Ogni essere infatti la cerca a suo modo, soggettivamente e partendo da se stesso. La Sapienza, una volta uscita dal Libro, anche nelle forme più elevate di Spiritualità, è soggetta ad adattarsi a ciascuna individuo. Nessun essere può confondersi con un altro essere e il cammino iniziatico ha il suo aspetto individuale già nella prima infinitesimale apertura del Compasso, prima ancora che nella Materia.
 a10
La tecnica più semplice di assimilazione del simbolo del Compasso sta nella meditazione
catartica, o meditazione intensa, ponendo il Compasso, dalle linee essenziali con bracci semplici aperti, su un panno di color blu uniforme e osservarlo per vari minuti, concentrati e nel silenzio. Ripetere spesso questa meditazione permette col tempo di aprire la mente all’archetipo della circolarità, assimilabile alchemicamente al simbolo cosmico dell’Uroboros che è nel nostro inconscio, e attingere su un piano diverso una nuova libertà creativa. Questa libertà sarà tanto maggiore quanto l’ampiezza e la luminosità dell’esperienza aumentano in correlazione alla trasformazione della coscienza e della personalità del Massone.
 a17

Noi vogliamo essere persone illuminate.

Alcuni uomini si rivelano più chiaroveggenti di altri, cioè vedono più chiaro di altri.
Non mi riferirsco all’intelligenza e men che meno alla divinazione, ma intendo la capacità di conseguire conoscenze tramite l’intuizione e le percezioni, che sono facoltà insite in ognuno di noi, che ci sono proprie e che ci permettono, se ben alimentate (cosa che è possibile), di tentare di indagare il nostro essere e il mondo.
Resta sconosciuta l’origine di queste capacità di ottenere una comprensione superiore, ma si sa che coloro che l’hanno conseguita danno prova di sorprendente lucidità e si sa pure che vi sono tecniche che permettono di perfezionarsi in tali capacità. Un compito certo agevolato da studi costanti, da profonde meditazioni, fino alle meditazioni catartiche e da
una lunga esperienza, ma alla fin fine la loro qualità si basa su un perfezionamento delle facoltà pensanti.
Ogni massone può diventare più sensibile alle vibrazionidelle Luce iniziatica, che sono vibrazioni energetiche e di pensiero, per sviluppare la comprensione di ciò che egli è e di ciò che gli accade quotidianamente.a6
Sono potenzialità insite in ogni essere umano, e nel Massone devono essere conosciute, cosicché il pensiero, le azioni e lo stile di vita creino la nuova esistenza consapevole.
Secondo l’Antica Tradizione, di cui sono impregnati i rituali, la Luce rappresenta una
facoltà latente nell’essere umano, destata e resa potenzialmente disponibile attraverso l’Iniziazione.
Tale facoltà, ci dicono anche gli antichi Maestri, può essere acquisita attraverso l’intuizione.
E il concetto ritorna. L’intuizione è necessaria per comprendere i simboli.
Ad esempio, per comprendere l’espressione simbolica G.A.D.U., che sintetizza il concetto diEssere Supremo, di Essenza, a livello intuitivo, appunto, si svela nel concetto di Cosmo e nella percezione dei suoi ritmi. Il G.A.D.U. non è definibile in concreto con dei concetti a causa della limitatezza della nostra mente, e possiamo avvicinarci ad esso per tentativi,
formulando delle astrazioni imperfette attraverso, appunto, l’intuizione. Il Simbolo della squadra si svela attraverso il quadrato, i quadri lunghi, il cubo e la quaternità, mentre il Compasso si svela attraverso il simbolo del cerchio, delle sfere e quindi della circolarità.
Dobbiamo operare con volontà, volontà di perfezionamento, volontà della persona di buon senso che è risoluta ad impegnarsi veramente e non solo a parole, nel correggersi e nel conseguire le sue facoltà di pensiero, nel conoscere realmente le sue ombre,portarle alla lucee dominarle.
a12

Karl von Eckartshausen,

Un grande Massone e Rosacrociano  sostiene: “Come per un uomo privo di organi la Luce non esiste, anche se altri ne possono godere e gioire, così molti uomini non possono gioire di qualcosa di cui invece altri possono. Un uomo potrebbe essere organizzato in modo tale da sentire, intendere, vedere e gustare cose che un altro non potrebbe, perché privo dell’organo necessario. Ammettendo ciò, se questi cercassero spiegazioni plausibili a tale fatto, sarebbe assolutamente inutile, in quanto le idee che uno ha ricevuto dal suo organo particolare cozzerebbero contro quelle dell’altro che non potrà mai afferrarle.

Siccome ognuno riceve le proprie idee dai suoi sensi, e considerato quindi che tutte le operazioni della ragione non sono che forme di astrazione di impressioni sensibili,
Ne consegue che è veramente impossibile crearsi delle idee su molte cose, fin quando non avremo ricevuto delle sensazioni su tali cose. Questo perché ogni nostro organo è o diventa sensibile soltanto per noi stessi, e non per altri”.
 a2
Noi massoni siamo consapevoli che esiste una chiave che apre la porta del nostro “santuario intimo” e come trovarla.
È unanime nel mondo dare il nome di Luce e di tenebre a manifestazioni di “sintomi interiori”, che pur non sono misurabili come lo possono essere quelli esteriori. Questa concordanza universale ripropone ancora e sotto un differente punto di vista, l’esistenza di una “ oggettività interiore”, che accomuna tutti gli uomini e che ci deve far riflettere profondamente.

L’oggettività interiore è quello che Jung definisce“inconscio collettivo” e i cui significati siesprimono in simboli.

a13

Carl Gustav Jung

Esiste una parte della nostra psiche profondamente sepolta che contiene degli archetipi, cioè dei simboli arcaici, delle immagini originarie, di modelli innati, comuni a tutti gli
individui, pur di cultura ed epoche diverse. Da qui e per una consapevole metamorfosi della coscienza individuale, non è sufficiente lavorare sull’Io, dobbiamo procedere all’individuazione e dare inizio alla ricerca del Sé nella dimensione archetipica, per avere la possibilità di intendere i simboli unificatori e la lorofunzione trascendente.
Ovvero arrivare a comprendere l’integrazione tra gli uomini che risiede nel nostro
inconscio, origine di una dimensione che riconduce all’Unità del tutto, elementi tra loro opposti e disparati.
Non fare niente, esistere pigramente nell’inconscio che domina è da stadio di vita primitivo e non da Massoni.
a8La libertà dell’Io è figlia della libertà del Sé, che dobbiamo tentare di comprendere.
Se sentite che c’è qualcosa di più che costituisce la vostra più profonda essenza, siete nel giusto cammino.
E voi Fratelli Apprendisti dovreste aver compreso, dalle riunioni cui avete partecipato, che cercando e ricercando, il Massone trova in se stesso, l’Essere, il Sé. Quel Sé che è scintilla del divino e del divino è parte. E il Sé dovrebbe essere libero in noi, come libero è l’Essere Supremo, il Tutto di cui siamo parte. E la prigione che invece vincola il Sé altro non è che l’Io, quell’Io transitorio e mortale che è la nostra vita, tanto quanto universale ed eterno è il Sé in noi, parte purissima ed elevata del Tutto. Noi siamo schegge del Tutto e siamo in rapporto con Lui. Non illudiamoci che lanostra vita si svolga in funzione del nostro Io, mentre piuttosto è il nostro Io che è stato generato in funzione della vita del Tutto.
È la prospettiva egocentrica che è sbagliata: c’è una storia che si compie e noi nea14
siamo interpreti più o meno consapevoli, è questo il destino di tutti, sta a noi scoprire a che cosa sia funzionale la nostra vita nella prospettiva del Tutto.
Vi sono analogie tra la psicologia analitica junghiana e il rituale massonico. Sappiate che nella ricerca di perfezionamento del massone è riscontrabile quello che Jung definisce “processo di individuazione”, cioè la realizzazione conscia al bisogno di completezza del nostro essere, nella nostra peculiarità di esseri unici e diversi, in una sinergia di aspetti consci e inconsci che determina l’ampliamento della personalità.
L’importanza di Jung, per me, risiede proprio in questo suo pensiero di equivalenza tra l’aspirazione all’autorealizzazione conscia della propria personalità e la ricerca di un più ampio progetto trascendente, sfruttando la propensione che come Massoni abbiamo al rapporto individuale con la simbologia.
Mito e simbolo sono componenti fondamentali degli archetipi e sono categorie primarie ed esemplari, preesistenti alla stoa7ria dell’uomo, eppure impresse nelle profondità della mente umana, destinati ad affiorare nella coscienza di quei pochi individui che li desi
derano conoscere e li ricercano, prendendo forma e sostanza, quale “consapevolezza di ciò che si è”.
La Luce della Conoscenza iniziatica che aneliamo è una rivelazione elargita dal Grande Architetto che, scendendo, la offre al Massone che ascende.
Chi ha maturato una visione spirituale riconosce nelle punte del Compasso, volte verso il basso e coperte in questa Camera, la presenza dello Spirito in noi, la sua Forza discendente-ascendente. Un Fratello che intende elevarsi, pensa quindi al Compasso quale simbolo di manifestazione dello Spirito e riunione allo Stesso. E lo Spirito deve immaginarlo tanto omogeneo ed inafferrabile, invisibile ed inalterabile quanto lo è lo Spazio illimitato, la Vita infinita ed inesauribile.
Via via che ci si trasforma interiormente ci si predispone ad accogliere delle rivelazioni.
Con l’attivarsi del Compasso, strumento principale del divenire il Massone, il Libero Muratore, proprio perché governato dalla dualità di questo strumento, sa di dover controllare la sua parte ombrosa, ostile, nociva che ha imparato a riconoscere, sa di dover spingere lo sguardo interiore direttamente nel contenuto del Sacro Libro, che aperto simboleggia lo Spirito, la Sapienza, avendo appreso di non essere distaccato dalle altre realtà cosmiche che, dal punto di vista iniziatico, sono animate dalla stessa Energia. Non dimentichiamo che i termini “interno” ed “esterno” sono illusori, al pari di ogni dualità o coppia di contrari.
Lo Spirito divino scorre in noi per spiritualizzare l’anima e il corpo fino all’ultima particella.
 a4
E ora Fratelli una domanda:

Cos’è il Santo Graal?

Alcuni esoteristi dicono di vivere alla ricerca del Graal. Forse sono dei folli, forse no. Anche alcuni grandi Iniziati affermano che il loro cammino iniziatico è la ricerca del Graal, così come gli Alchimisti identificano il loro lavoro con la ricerca della Pietra Filosofale.
Se avete memorizzato quanto detto sulle Tre Grandi Luci, che cosa rappresentano esotericamente e le loro connessioni, provate ad interpretare questo disegno simbolico:
Santo Graal
Fonti:
Annunci

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: