Soka Gakkai.-Patty.

Secta in latino significa   gruppo di persone che seguono una dottrina religiosa,filosofica ,politica etc.
Quando si parla di “setta” spesso il significato è negativo…
Adepti che seguono spesso alla lettera il Guru del momento…All’interno di una setta, il rapporto più intrigante è quello che si crea tra il guru (o il gruppo dei capi) e gli adepti. Il guru viene quasi sempre descritto come dominante, autoritario, carismatico, capace di influenzare e plagiare i suoi discepoli. L’adepto è invece generalmente descritto come sottomesso, subordinato, vittima passiva del carisma del capo.
Pochi giorni fa ho “scoperto” la Saka Gakkai .. Non è tutto oro quel che luccica!!!!!Mai detto fu più vero.

873694380

Soka Gakkai.

Voglio premettere che i seguaci della soka gakkai sono, a livello periferico, delle persone sincere, che si applicano nel seguire una pratica che è stata loro presentata ed insegnata come “l’unica vera pratica buddista” valida ed efficace.
E’ da vedere però se questa pratica e i vari insegnamenti siano buddisti..

Un po’ di chiarezza su cosa sia la Soka Gakkai

E’ una scuola laica buddhista giapponese i cui insegnamenti si sono diffusi in tutto il mondo, talvolta definita come un nuovo movimento religioso, che pratica e diffonde il buddhismo così come fu codificato dal monaco riformatore Nichiren, secondo altri, una versione moderna dello stesso buddhismo Nichiren.nichirenrain

La Soka Gakkai, che in Giappone conta più di dieci milioni di fedeli, è presente in 192 Paesi del mondo. In Italia vi aderiscono circa 70.000 fedeli, pressappoco la metà dei buddhisti italiani. L’attuale leader spirituale vivente è daisaku-ikeda-e-logoDaisaku Ikeda, terzo presidente, succeduto a Josei Toda nel 1960.

La Soka Gakkai è un ente religioso che nel novero delle sue attività sociali e filantropiche si batte per il rispetto e la tutela dei diritti umani per costruire un mondo pacifico basato sulla pratica della non violenza. Collabora con molte organizzazioni internazionali ed è riconosciuta presso l’ECOSOC alle Nazioni Unite. Collabora con le più rilevanti organizzazioni non governative ed istituzioni del pianeta.
La società è nota per il suo attivismo sociale, oltre che religioso, e per le posizioni progressiste in materia di omosessualità e altri temi etici delicati, come l’eutanasia e suicidio in caso di grave malattia, l’aborto , libertà di pensiero (considerata fondamento della concezione buddhista) sulle decisioni personali dei fedeli.

La Repubblica Italiana ha sottoscritto il 27 giugno 2015 l’intesa con L’Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai. L’Intesa viene stipulata ai sensi dell’articolo 8 della Carta Costituzionale e rappresenta il pieno riconoscimento dello Stato Italiano della fede Buddhista della Soka Gakkai. Questo riconoscimento delinea tutti i diritti ad esprimere l’attività religiosa dell’istituto individuando speciali prerogative tra cui: assistenza spirituale, istruzione scolastica, sepoltura, 8×1000 e deduzione fiscale.
Non mancano simpatizzanti famosi ;Roberto Baggio, Sabina Guzzanti, Carmen Consoli.

Alcune polemiche a mio avviso giustificate.

In Giappone molti dei critici sostengono che l’organizzazione religiosa non rispetti il principio sancito dall’articolo 20 della Costituzione di separazione fra religione e politica per via di legami con il partito politico nipponico Kōmeitō, un partito centrista e populista.
Anche se fondata su ideali “puri e genuini” la Soka Gakkai sembra si sia trasformata in un sistema di potere ,conta più di 12 milioni di adepti (tra i quali gli 8 milioni di elettori del Kōmeitō), amicizie influenti e frequentazioni dei maggiori leader mondiali, anche alcuni tra i più discussi e controversi, come Mao Tse-Tung, Deng Xiao Ping, Manuel Noriega, Nicolae Ceauşescu e Fidel Castro”, incontrati da Daisaku Ikeda nel corso degli anni.

La Soka Gakkai è stata in Italia citata, assieme ad altri gruppi, in un rapporto della Direzione centrale polizia di prevenzione “Sette religiose e nuovi movimenti magici in Italia” redatto nel 1997, dove si afferma, in generale, che trattasi di “dottrine e pratiche rituali spesso molto distanti dalle confessioni di origine”, “di origine relativamente recente, ispirate alla predicazione di un capo spirituale o dottrine di tipo iniziatico” e aggiungendo in particolare che nel caso del “buddismo della Soka Gakkai, basato sul Sutra del Loto, la massima autorità buddista, il Dalai Lama, non la riconosce” (in realtà non viene precisato che il Dalai Lama non è la massima autorità del buddhismo, ma solo il capo della scuola gelug del buddhismo tibetano). In Francia una commissione parlamentare, nel 1995 e nel 1999 , e in Belgio un’analoga commissione d’inchiesta della Camera dei Rappresentanti, nel 1997, ha incluso la Soka Gakkai in una lista di
organizzazioni religiose che devono essere ritenute delle «sette» a tutti gli effetti.

La Soka Gakkai è una Setta?

Ex membri accusano la Soka Gakkai di praticare attività anti-sociali e violazione dei diritti umani. Nello specifico, gli ex membri denunciano:

L’assenza di democrazia all’interno dei gruppi Soka, con ogni decisione presa dall’alto ed un sistema di poteri interno e responsabilità simile al multilevel-marketing;
La distanza dall’ortodossia tradizionale del buddhismo e anche dal buddhismo di Nichiren;
Lo sfruttamento del lavoro personale degli adepti e la spinta ad acquistare oggetti commercializzati dalla Soka Gakkai;
Meccanismi di condizionamento mentale analoghi a quelli di altre sette.

In Giappone il partito di riferimento della Soka Gakkai è il New Kōmeitō Party, ricostruzione del partito Kōmeitō fondato da appartenenti alla Soka Gakkai negli anni sessanta e nato da una fusione, avvenuta nel 1998, con il Clean Government Party e il New Peace Party. Si tratta del terzo partito del Parlamento giapponese e del principale partner dell’attuale coalizione governativa (nell’ultimo gabinetto Abe esprime tre Ministri). Per il Japan Times non mancano tuttavia differenziazioni tra il New Kōmeitō Party e la Soka Gakkai su alcuni argomenti cruciali di politica estera, dovendo il primo rispondere alla coalizione e a diverse posizioni interne.
Secondo il giornale Peace Reporter, gli esponenti politici del Kōmeitō sono tutti membri della Soka Gakkai, nonostante il partito sia formalmente separato da essa.
Ad essere criticata è anche la dottrina: secondo le scuole buddhiste Nichiren Shoshu e Nichiren-shu, la Soka Gakkai praticherebbe e promuoverebbe un buddhismo Nichiren di tipo “spurio” ( non legittimo, falso o falsificato), talvolta assai distante dal Dharma originale del buddhismo e dai suoi principi fondamentali.

Analizzando un po’ di materiale trovato in rete sembrerebbe che questa Soka Gakkai sia proprio una setta…
Iniziamo con il fondatore;

Daisaku Ikeda maestro buddhista giapponese è il terzo presidente della Soka Gakkai International.
E’ stato definito come uno dei più importanti leader spirituali buddhisti della seconda parte del XX secolo e degli anni 2000, assieme al Dalai Lama e a Thích Nhất Hạnh, anche se per molti critici rimane una figura estremamente controversa.
Ikeda viene descritto come un despota di destra a cui interessa solo il potere, da altri viene invece designato come un comunista a causa dei suoi stretti legami con i leader cinesi. Di sicuro è una delle personalità più influenti del Sol Levante. In una classifica stilata nel 2001 del settimanale Asiaweek, Ikeda figura al 19º posto fra gli uomini più potenti dell’Asia. Tra i suoi power points vi sarebbero i 12 milioni di adepti giapponesi della Soka Gakkai e la «vasta influenza» sul sistema politico giapponese. Viene inoltre descritto come oggetto di un culto della personalità, che varcherebbe i limiti della normale venerazione buddhista tributata dall’allievo al maestro.

I membri della Soka Gakkai portano avanti la loro pratica quotidiana a casa propria recitando a voce alta delle “preghiere?” , rigorosamente in dialetto cinese (dicono del 1300) al mattino, a pranzo, la sera.Si incontrano regolarmente in riunioni di discussione tenute localmente per studiare i principi del Buddismo e confrontarsi sul modo di metterli in pratica nella vita di tutti i giorni. Durante queste riunioni, normalmente a cadenza bimensile, i praticanti si scambiano idee, speranze, dubbi ed esperienze a proposito della fede e della pratica. Spesso comprano oggetti di culto (abbastanza costosi) Queste riunioni in piccoli gruppi sono il luogo per incoraggiarsi reciprocamente e per condividere la visione buddista della vita con i propri amici.
Però è interessante sapere che dopo ogni riunione il responsabile manda una e-mail al referente regionale con la statistica dei presenti divisa per;
-Ospite
-Chi pratica da 1 anno
-Chi pratica da più anni.
Il referente una volta ricevuta la e-mail la trasmette alla sede di Roma , perchè ?

Ogni riunione sembra sia abitudine incitare le persone presenti a portarne di nuove…(Chissà perchè)
Sembra inoltre che i seguaci della Soka Gakkai frequentino solo le persone conosciute all’interno della “scuola”isolandosi dai vecchi amici. Se una persona non si presenta alle riunioni può esser cercata dai responsabili, una volta motivata l’ assenza il soggetto viene “minacciato” in svaritai modi (sempre verbali) a non rifarlo.

Insomma, una setta vera e propria ,dove il Dio denaro fa da padrone ,dove persone  spesso fragili o con problemi vengono manipolate da “santoni” senza scrupoli . Informatevi …cercate in rete , le sette sono organizzazioni che portano solo guai…guai seri!

Vi lascio alcuni link .
https://vittimesokagakkai.wordpress.com/2012/02/02/vittime-soka-gakkai-esperienze-quando-un-coniuge-convivente-parente-entrano-in-soka-gakkai/
https://it.wikipedia.org/wiki/Daisaku_Ikeda
http://www.noallasokagakkai.eu/letteradafi.html
http://www.sgi-italia.org/approfondimenti/RiunioniDiscussione.php
http://www.noallasokagakkai.eu/letteradafi.html

Annunci

About Uniti_Contro_Questo_Sistema _Malato

Studiare il passato, capire il presente, prevedere il futuro...

One response to “Soka Gakkai.-Patty.”

  1. Jennifer Branchetti says :

    Ciao io sono responsabile di un gruppo mi chiamo Jennifer Branchetti, posso dire che la mia esperienza è un po diversa da quello che hai scritto tu.
    Sono entrata a far parte della Soka Gakkai per mia scelta e non perche avessi grandi problematiche psicologiche.. posso dire che da quanodo pratico il buddismo di Nicheren la qualita’ della mia vita è migliorata perché con la pratica riesco veramente ad andare in profondità nella mia vita
    Per quanto riguarda le riunioni è vero che ci troviamo insieme per condividere le esperienze che facciamo.
    È altrettanto vero che quando qualche membro o simpatizzante si allontana.. cerchiamo di motivato a non farlo perché abbiamo a cuore veramente la felicità delle persone e crediamo che il buddismo è l unico mezzo per raggiungere la felicità Assoluta ben diversa dalla felicità relativa! Ed è proprio per questo che facciamo shakobuku ossia parliamo agli altri della pratica a più persone possibili perché il buddismo alla fine è principalmente questo dare a tutti la possibilità di essere felici e di cambiare il proprio karma qui e ora.
    Non è per niente magia,essere buddisti è un grande impegno perché tutti quanti sappiamo benissimo che la cosa più difficile da fare è lavorare su noi stessi,ma questo è l unico modo per cambiare la nostra vita almeno per me è sempre stato molto più facile incolpare gli altri di qualsiasi cosa mi capitasse. Con il buddismo questo non lo possiamo fare,con il buddismo di Nicheren l’unica cosa che dobbiamo fare è imparare a prenderci la responsabilità della.nostra vita in tutti gli aspetti al 100% 100 .
    Buona giornata a tutti!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: