Nuovo Ordine Mondiale. -Space.

L’espressione ‘Nuovo Ordine Mondiale’ è stata così abusata e caricata di significati esplosivi che il suo utilizzo giornalistico è diventato una lama a doppio taglio. Molti analisti (alcuni dei quali appartenenti al circuito mainstream) hanno tentato di scrivere e discutere di tale ideologia socio-politica in modo semplice ed esplorativo, con tanto di dati e fonti alla mano, con il risultato di sentirsi aggredire, deridere o ignorare del tutto.

nuovo-ordine-mondiale-nwo-tentacoli

Un’altra circostanza che induce incredulità verso le denunce del NWO è – ironia della sorte – la assenza di una discussione aperta sul tema. Quante più persone superano la paura di puntare il riflettore sulla verità della questione, tante più persone saranno disposte a prenderla in considerazione. Di conseguenza, maggiore è il numero di persone inconsapevoli disposte a prendere in considerazione la verità, maggiore sarà il numero di ricercatori disposti a condividere le proprie determinazioni. Il muro psicologico contro cui la vera informazione si trova a cozzare non è retto da alcun argomento legittimo capace di confutarla. Si tratta invece di un rifiuto indotto dal fatto che la ‘maggioranza’ dei cittadini non abbia ancora abbracciato l’ipotesi concreta del NWO. Si tratta di una triste verità che concerne la nostra società: gran parte delle persone è più incline a porsi in una condizione di subordinazione intellettuale piuttosto che sviluppare un pensiero indipendente. Solo dopo grandi sofferenze e traumi gli individui riescono a trovare la forza di liberarsi dalla mentalità collettivistica.
Il motivo è semplice: la maggior parte dell’opinione pubblica è stata mentalmente condizionata ad avere simili reazioni non appena si imbatta in questo tipo di tematica. Reazione istintiva dettata da un riflesso irrazionale più che da una reale conoscenza. Una parte del condizionamento si realizza definendo ‘teorici della cospirazione’ (espressione idiota) i giornalisti ed i ricercatori che si occupano di Nuovo Ordine Mondiale, e dipingendoli come gente confusa che espone teorie fantasiose per un disperato bisogno di ‘attenzione’, e adopera una sorta di logica creativa per attribuire un senso a un mondo caotico e pazzo che vortica in balia della casualità. Lo so perché anch’io ho fatto parte del ‘gregge’ dei ‘razionalisti’, ed anch’io adoperavo gli stessi termini e le stesse argomentazioni superficiali per respingere ogni dato di fatto in merito al NWO. Il che è comprensibile: quando la cospirazione ti viene presentata in forma iconica, romanzesca o ridicola in centinaia se non migliaia di libri, film, spettacoli televisivi, spot pubblicitari, diventa molto difficile prendere in considerazione simili temi senza essere influenzati dal pregiudizio.
go1

In realtà, la frase Nuovo Ordine Mondiale fu coniata all’inizio del 20° secolo, ed è stata ampiamente utilizzata da numerose elite politiche e finanziarie già molti decenni prima che venisse fuori l’espressione ‘teorici della cospirazione.’ Il Movimento per la Libertà ha sempre definito il Nuovo Ordine Mondiale come il piano ordito da un insieme di organizzazioni elitarie – dedite alla manipolazione politica, economica e bellica – di accentrare il potere mondiale nelle mani di un organo non eletto esente da qualsiasi controllo democratico. L’obiettivo è giungere a smantellare del tutto ogni tipo di sovranità individuale e nazionale.

C’è chi è convinto che in quanto ricercatori e giornalisti del web, dovremmo evitare di nominare il NWO, vocabolo ignoto alla maggior parte dei cittadini. Il Nuovo Ordine Mondiale non è un’ipotesi fantapolitica, ma un movimento politico ben delineato e quantificato.mDi questi tempi, chiunque tessa le lodi delle politiche globalistiche riceve una pioggia di riconoscimenti, e viceversa chiunque si opponga è sistematicamente accusato di farneticazioni paranoiche. Tuttavia, meno ci si cura di ciò che gli altri potrebbero pensare di noi, più sarà possibile dedicarci alla ricerca ed esposizione della verità. In fondo, quando si tratta di questioni cruciali di sopravvivenza e di principio, è di gran lunga preferibile essere un ‘pazzo’ nel giusto, che un ‘savio’ nel torto.

Fonti reperite in rete.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: