Paolo Paschetto e l’emblema della Repubblica Italiana.-Patty.

Paolo Paschetto disegnò l’emblema della Repubblica Italiana.

Chi era Paolo Paschetto?paolo_paschetto

Nacque il 12 febbraio 1885 a Torre Pellice, in provincia di Torino, morì il 9 marzo 1963. Si diplomò all’Istituto di Belle Arti di Roma. Paschetto era un massone dichiarato, anche Mola, importante e celeberrimo storico della massoneria italiana lo certifica come massone.
(Mola critica il simbolo della Repubblica)
http://traditiones.forumfree.it/?t=8218520

Storia.

L’emblema della Repubblica Italiana è l’emblema identificativo dell’Italia Repubblicana. È stato adottato ufficialmente il 5 maggio del 1948, col decreto legislativo nº 535.

Il primo bozzetto a colori di Paolo Paschetto approvato dalla Commissione per l’emblema.

La genesi dell’emblema inizia nell’ottobre del 1946, quando il Governo De Gasperi II, primo governo repubblicno del Paese, decise di istituire una commissione, presieduta da Ivanoe Bonomi (anch’egli massone, come ricorda Aldo Mola in: Storia della Massoneria italiana dalle origini ai nostri giorni, Bompiani, Milano, 1992, pag. 496), per la creazione di un simbolo identificativo della neonata repubblica italiana, in sostituzione dell’ormai obsoleto Stemma del Regno d’Italia. Venne quindi bandito un concorso nazionale aperto a tutti i cittadini, a tema libero, con pochi vincoli alle proposte: bando assoluto ai simboli di partito, e utilizzo della Stella d’Italia, «ispirazione dal senso della terra e dei comuni» (quest’ultima già presente sullo Stemma del Regno dal 1870 al 1890)). Per le cinque opere ritenute migliori era previsto un premio di 10 000 lire.
341 candidati risposero al concorso, inviando 637 bozzetti in bianco e nero. I cinque ritenuti migliori superarono la selezione, e qui la Commissione invitò gli autori a presentare ulteriori nuove proposte, basate su un tema preciso: «una cinta turrita che abbia forma di corona» racchiusa da una ghirlanda di frasche, con in basso la rappresentazione del mare, in alto la Stella d’Italia, e l’inserimento delle parole “Unità” e “Libertà”. Stavolta la Commissione premiò la proposta di Paolo Paschetto: l’artista fu ricompensato con ulteriori 50 000 lire, e soprattutto venne incaricato di disegnare la versione definitiva dell’emblema.

Il bozzetto finale, scelto in via definitiva come emblema della Repubblica.

L’emblema non ottenne riscontri favorevoli venne definito una «tinozza». Fu quindi fatta una nuova Commissione, che bandì radiofonicamente un secondo concorso; questa volta l’orientamento fu quello di privilegiare degli elementi legati all’idea del lavoro. Ancora una volta risultò vincitore Paolo Paschetto, la cui proposta venne però ampiamente rivisitata dalla Commissione: risultato finale fu una stella bianca a cinque punte simmetriche centrata su una ruota dentata, simbolo del lavoro e del progresso, e circondata da un ramo di ulivo e una frasca di quercia Dopo essere stato approvato dall’Assemblea Costuente il 31 gennaio 1948, e dopo la decisione finale sui colori, il 5 maggio successivo il Presidente della Repubblica Enrico de Nicola ratificò la scelta firmando il decreto legislativo nº 535, dando così alla Repubblica il suo nuovo emblema.

 

 

 

Annunci

Tag:,

About Uniti_Contro_Questo_Sistema _Malato

Studiare il passato, capire il presente, prevedere il futuro...

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: