Scie di condensazione “Contrail” part.1-Nis

 

Cosa sono le scie di condensazione?

scieSi tratta di nubi artificiali di forma prevalentemente lineare e dall’aspetto cirriforme che sono prodotte dalle emissioni vaporose emesse dai motori degli aerei che volano ad alta quota, o comunque ad una quota nella quale la temperatura, l’ umidità relativa e la concentrazione di aerosol, ne favoriscono lo sviluppo spontaneo.
Le scie “contrail” sono composte prevalentemente da acqua in forma solida sotto forma di minuscoli cristalli di ghiaccio. Il motore emette durante il suo funzionamento una grande quantità di vapore acqueo nell’aria circostante, vengono anche emesse dal motore particelle minuscole come biossido di carbonio, ossidi di azoto, monossido di carbonio, ed idrocarburi come il metano, solfati, particolato che formano una superficie sulla quale possono formarsi piccole gocce d’acqua o più frequentemente sublimare piccoli cristalli di ghiaccio a causa delle basse temperature ambientali esistenti alle quote in cui volano la maggior parte dei velivoli.

Si tratta di un fenomeno del tutto naturale e per la loro natura, si dissolvono in circa 30-50 secondi (in casi particolari posso permanere nell’aria per pochi minuti) e pertanto non possono essere lunghe.

Essendo un fenomeno del tutto naturale, le scie di condensazione seguono determinate leggi fisiche, le quali si possono riassumere in tre principali condizioni fondamentali:
– quote superiori agli 8000 metri;
– umidità relativa non inferiore al 70%;
– temperatura inferiore ai -40 °C.

(Questi valori si possono trovare nelle definizioni di “contrails” riportate da alcuni manuali di meteorologia, da Wikipedia, dai siti della NASA, FAA, NOAA, EPA e US Air Force).

Le scie che possiamo vedere tutti i giorni, però, sono scie particolari, del tutto diverse dalle scie di condensazione. Sono molto lunghe e molto persistenti: alcune di esse si estendono da orizzonte a orizzonte e permangono nell’aria addirittura per molte ore. Altre assumono comportamenti strani: nella loro lunghezza svaniscono in alcuni tratti ma permangono in altri, oppure si espandono a dismisura o ancora si espandono “a tratti”.

In alcuni giorni si possono contare nell’arco di un’ora decine e decine di scie e in altri giorni si può assistere alla formazione di veri e propri reticolati nel cielo. Queste scie sono state avvistate anche fuori dalle rotte degli aerei di linea, a quote improbabili per gli aerei di linea e in spazi aerei non consentiti al traffico civile e/o commerciale.

A questo punto viene naturale chiedersi: se sono scie degli aerei, di quali aerei si tratta e soprattutto… che tipo di scie sono? E’ evidente che non sono scie di condensazione. Quindi… che cosa sono? Da cosa sono composte?

scie collage

fonti: http://www.sciechimiche.org/scie_chimiche/index.php?option=com_content&task=view&id=41&Itemid=96
Annunci

Tag:, , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: